Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Coloranti nelle caramelle

1 dicembre 2007

I coloranti sono usati dalle aziende alimentari in moltissime preparazioni, ma soprattutto nelle caramelle, in cui questi additivi abbondano. Per valutare la situazione abbiamo condotto un test su 35 tipi di caramelle gommose - le più variopinte - sia confezionate sia vendute sfuse nelle bancarelle di fiere e mercati, nei negozi di dolciumi e nei cinema. Il risultato è davvero multicolor: in alcuni prodotti ci sono fino a cinque coloranti diversi, sebbene mai in quantità superiori ai limiti di legge. Lo ricordiamo: questi additivi non sempre sono innocui per la salute.

Iperattivi? Sarà il colorante
È recente la notizia di uno studio pubblicato su The Lancet, una prestigiosa rivista medica, che mette in luce il rapporto tra il consumo di alcuni coloranti molto usati e la modificazione del comportamento dei bambini, che diventerebbero, a causa di queste sostanze, iperattivi, aggressivi e impulsivi. Bene, dalle nostre analisi risulta che quasi tutte le caramelle acquistate contengono almeno uno di questi additivi.
In generale, comunque, è dimostrato che molti coloranti possono dare reazioni allergiche ed episodi di ipersensibilità. Ma soprattutto, molte di queste sostanze hanno una dose giornaliera ammissibile assai bassa, facilmente superabile soprattutto nei bambini piccoli.

Le nostre analisi
Sia nei prodotti sfusi sia in quelli confezionati la quantità rilevata dal nostro laboratorio di ogni singolo colorante è sempre al di sotto dei limiti di legge.
Tuttavia, abbiamo voluto verificare se anche con i quantitativi trovati, esiste la possibilità che venga superata la dose giornaliera accettabile, cioè la dose di additivo che una persona può ingerire senza correre rischi di salute percepibili. Anche nei casi peggiori, per fortuna, siamo sempre lontani dal superare la dose giornaliera raccomandata.
Dopo la bella notizia, però, arriva la doccia fredda: la presenza di più colori in un unica caramella, tipica di questi prodotti dalle molteplici gradazioni arcobaleno, può innescare un effetto cocktail dalle conseguenze ancora poco studiate.
Inoltre, non bisogna dimenticarsi del fatto che i coloranti non sono presenti soltanto nelle caramelle, ma in una serie di altri alimenti che consumiamo quotidianamente come bevande aromatizzate, dessert, gomme da masticare e così via.
Il sovradosaggio, quindi, non può mai essere escluso.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.