Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Yogurt alla fragola

1 luglio 2008
Yogurt alla fragola

Una volta lo yogurt era acido. Ed era il suo bello, anzi il suo buono. Oggi lo yogurt è diventato - per citare i claim più gettonati - cremoso e vellutato. Il motivo? Semplicemente perché quello fatto così piace e si vende di più. Ragione sufficiente ai produttori per seguire nuove formulazioni che adeguino lo yogurt ai gusti dei consumatori.

Essere acidi fa bene
Lo yogurt è un prodotto ottenuto per coagulazione acida del latte a cui vengono aggiunti due fermenti: il Lactobacillus bulgaricus, responsabile soprattutto dell’acidità e lo Streptococcus termophilus, maggiormente responsabile di aroma e consistenza. I principali effetti benefici dello yogurt sono legati alla sua acidità. Anzitutto la trasformazione del lattosio in acido lattico generalmente permette il consumo di questo prodotto anche alle persone intolleranti al lattosio. La diminuzione del pH (tecnicamente dovuta alla formazione di acido lattico) inoltre favorisce l’assorbimento del calcio e in generale dei sali minerali. In poche parole, lo yogurt fa bene perché è acido.
Negli ultimi anni però qualcosa è cambiato: i produttori, seguendo la tendenza dei gusti dei consumatori, hanno messo in commercio yogurt sempre più dolci, intervenendo sull’equilibrio tra i due fermenti (a favore degli streptococchi) e diminuendone l’acidità. Una strategia semplice, con un’unica pecca: l’acidità nello yogurt deve essere considerata un pregio, non un difetto.
Non sopravvalutate gli effetti benefici sull’intestino: i batteri contenuti nello yogurt classico sono poco resistenti e non riescono a sopravvivere durante il passaggio nello stomaco. Solo una piccolissima quantità arriva all’intestino. L’effetto benefico sulle funzioni intestinali è quindi piuttosto limitato. Se il vostro obiettivo è regolare il transito intestinale, preferite i probiotici, latti fermentati con altri microrganismi più resistenti, capaci di superare la barriera gastrica, arrivare nell’intestino e).

Le calorie dello yogurt? Colpa dello zucchero
Non sempre scegliere uno yogurt al posto di una merendina significa risparmiare calorie. Alcuni prodotti tengono testa - come apporto calorico - a spuntini meno nobili. Controllate anche il peso: alcune confezioni sono da 150 g, molte da 125 g, qualcuna da 115 g.
Quanto zucchero viene aggiunto agli yogurt? Tanto, a volte tantissimo (anche 4 zollette per un vasetto) e le calorie esplodono. Diverso è il discorso per gli yogurt magri: lo zucchero è molto meno, ma questi prodotti sono pieni di dolcificanti. Troppo zucchero - si sa - fa male, ma anche i sostituti artificiali non sono un’alternativa consigliabile a tutti. I dolcificanti intensivi possono avere effetti secondari: l’aspartame, per esempio, può suscitare nelle persone particolarmente sensibili mal di testa, nausea, vomito e dolori addominali. C’è una quantità accettabile di dolcificante artificiale da assumere in una giornata (in relazione al peso corporeo) che non andrebbe superata: uno yogurt light non è un problema, ma va detto che questi dolcificanti sono in tantissimi alimenti (bibite, caramelle, snack...). I bambini poi hanno una tolleranza minore nei confronti di queste sostanze: meglio non dare gli yogurt con edulcoranti come merenda.

Marche del test:
  1. Auchan
  2. Coop
  3. Danone
  4. Esselunga
  5. Fior di spesa (standa)
  6. Granarolo
  7. Gs
  8. Land (eurospin)
  9. Mila
  10. Muller
  11. Nestle’
  12. Parmalat
  13. Sterzing vipiteno
  14. Yomo



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.