Il mondo Altroconsumo:
Test: prime impressioni

Mio Duo Star: il nuovo dado a due strati non convince

21 febbraio 2016
Mio Duo Star: il nuovo dado a due strati non convince

Il nuovo prodotto della Star è un dado a due strati che promette di rendere più saporite e cremose le ricette. Abbiamo analizzato etichetta e ingredienti: la cremosità è data da addensanti, ma ha troppo sale e dell'olio d'oliva c'è solo l'ombra.

Dado compatto, granulare, in gelatina o liquido. Al panorama di preparati per brodo o condimenti, si è da poco aggiunto il nuovo prodotto Star: Mio Duo. È un dado a due strati “per dare il sapore perfetto e la cremosità che desideri”, come dice lo spot. Per capire di cosa si tratta precisamente, abbiamo analizzato tutte e tre le versioni: per arrosti e stufati, minestre e sughi.

Qual è la differenza

Rispetto ai dadi tradizionali, cambia la lista degli ingredienti: sono stati aggiunti amido di mais e gomma di xanthan (un addensante) per conferire più cremosità ai piatti.

E l'olio dov'è?

In etichetta è messa in evidenza anche la presenza di olio extravergine d’oliva. Ma dalla semplice lettura degli ingredienti scopriamo che la percentuale è bassissima: 0.1% nella versione per minestrone, 0.2% in quella per arrosti e stufati e anche in quella per sughi. In entrambi i casi il grasso principale è grasso di palma.

Troppo sale

Se tra i componenti dei dadi ci sono diversi ingredienti che suscitano scetticismo (i vari esaltatori, glutammato, guanilato, inositato, ...), è proprio il sale l’ingrediente presente in maggior quantità e dal punto di vista nutrizionale il suo apporto non è di certo trascurabile. Il Mio Duo Star non fa eccezione. Per esempio, stando alle indicazioni d’uso riportate in etichetta nella versione per i minestroni, per una porzione, questo dado fornisce 3.4 g di sale, pari al 68 % della quantità massima di sale raccomandata per una giornata. Per esempio il dado vegetale Star -30% di sale, invece, ne fornisce 1.9 g, meno della metà.

Le alternative

Per insaporire i piatti, il dado è una soluzione comoda e veloce, ma troppo “salata”: l’uso di ingredienti di buona qualità è una valida alternativa. A seconda delle ricette puoi usare vino, olio, un battuto di erbe aromatiche e per addensare puoi aggiungere dell'amido, come quello di mais, la fecola di patate e o della semplice farina bianca.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.