Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Crash test: Nissan al massimo

1 ottobre 2007

Per la prima volta una vettura ottiene il punteggio pieno nel nostro crash test. L'auto è la Nissan Qashqai e i punti (relativi alla sicurezza dei passeggeri adulti) sono 37 su 37. I due manichini sono quasi tutti verdi, con l'unica eccezione del torso del guidatore, che è giallo. La piccola familiare nipponica ottiene anche un buon punteggio per la sicurezza dei bambini, ma lascia ancora a desiderare per quella dei pedoni.

Auto sicure
Il test, che ha coinvolto 15 automobili, ha fatto registrare dati positivi. Sette modelli hanno ottenuto cinque stelle e altri otto quattro. I manichini rimangono di colore verde, giallo e marrone, senza nessuna incursione nel pericoloso rosso, com'era successo invece nell'ultimo crash test pubblicato sulla nostra rivista. Soltanto una vettura presenta ancora qualche serio rischio di traumi ai piedi e alle caviglie del conducente.

Da segnalare anche la sempre maggiore diffusione dei sistemi intelligenti, quelli che ricordano a guidatore e passeggeri di allacciare le cinture di sicurezza prima della partenza. Molti di questi congegni oramai si attivano anche se a non indossarle sono i passeggeri dei sedili posteriori.

Bene anche la nuova utilitaria di casa Fiat, la 500. Ha ottenuto cinque stelle per la sicurezza con un punteggio totale di 35, quindi di soli due punti al di sotto della Qashqai.

Marche testate
  1. Dodge Caliber
  2. Fiat 500
  3. Honda Civic Hybrid
  4. Kia Carens
  5. Land Rover Freelander
  6. Lexus Is
  7. Mini
  8. Mitsubishi Outlander
  9. Nissan Qashqai
  10. Peugeot 207 CC
  11. Peugeot 308
  12. Renault Twingo
  13. Skoda Fabia
  14. Suzuki Grand Vitara
  15. Volkswagen Eos



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.