Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Assicurazione auto: problemi rimborso, indennizzo diretto

1 maggio 2008
Assicurazione auto: problemi rimborso, indennizzo diretto

Si può ricorrere all'indennizzo diretto, quando si è vittima di un incidente e si ha in parte o completamente ragione. La somma di denaro per riparare i danni è rimborsata direttamente dalla propria assicurazione. A volte però la compagnia fa storie. Ecco cosa fare.

Se la compagnia assicurativa non paga
Se la compagnia assicurativa non paga quanto vi spetta, si può agire in giudizio, ossia rivolgersi a un giudice, con l'assistenza di un avvocato. Per arrivare preparati davanti al giudice e poter valutare se è il caso di fare causa, si può chiedere all'assicurazione (lo consente la legge art. 146 del Codice delle assicurazioni) i documenti su cui si è basata la compagnia per negare il rimborso (ad esempio, perizia medico legale, relazione del perito).

La compagnia è obbligata a comunicare all'assicurato se ha intenzione di rimborsarlo oppure no: 60 giorni in caso di danni al veicolo che si riducono a 30 giorni se è stato compilato il Modulo blu, mentre diventano 90 giorni se ci sono anche danni alle persone.

Se i tempi non sono rispettati, l'assicurato può denunciare la compagnia all'ufficio reclami dell'azienda che possiede l'assicurazione e all'Isvap.

Le mosse per chiedere l'indennizzo diretto
Chi è vittima di un incidente e ha in parte o del tutto ragione può chiedere il rimborso dei danni subiti direttamente alla propria compagnia assicuratrice se l'incidente è tra due veicoli a motore con targa italiana e assicurati; dal sinistro devono essere derivati danni al veicolo o lesioni fisiche di lieve entità (entro il 9%). Se manca anche uno soltanto di questi requisiti, la procedura d'indennizzo diretto non si applica e vale solo la procedura ordinaria.

La prima mossa è compilare il Modulo blu, segnalando la presenza di testimoni o di feriti (se ci sono ovviamente) e l'intervento di un'autorità (per esempio carabinieri, polizia municipale, vigili del fuoco) che abbia redatto un verbale. Il Modulo blu, se firmato da entrambi gli automobilisti, consente di accorciare i tempi di risposta da parte dell'assicurazione. Poi si devono raccogliere altri documenti da allegare alla lettera di richiesta di rimborso danni: preventivo del meccanico, spese mediche sostenute e così via.

La richiesta di risarcimento dei danni avviene tramite lettera (pubblichiamo una lettera tipo che potete scaricare dal sito).

I tempi della procedura. La compagnia deve comunicare una proposta di risarcimento entro 60 giorni per i danni al veicolo e/o alle cose trasportate, che si riducono a 30 giorni se il Modulo blu è stato firmato da entrambi gli automobilisti ed entro 90 giorni nel caso di danni fisici. Se l'assicurato accetta, la compagnia deve inviare la somma offerta entro 15 giorni.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.