Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Condizionatori fissi a parete

1 maggio 2007

Raffreddano, riscaldano ed eliminano umidità. Gli undici apparecchi del test garantiscono prestazioni efficienti e buoni risparmi energetici. I migliori però si posizionano in una fascia di prezzo piuttosto alta.

Efficienza energetica dei condizionatori

È difficile rinunciare al comfort di una casa fresca quando fuori il clima è torrido. Se proprio non se ne può fare a meno, meglio affidarsi a un apparecchio ad alta efficienza energetica, un condizionatore di classe A, che ci fa risparmiare sulla bolletta almeno il 30% rispetto a uno di classe C.

Nel nostro test abbiamo preso in considerazione il top della gamma dei condizionatori split fissi con pompa di calore e inverter. Si tratta naturalmente di modelli di classe A, ma le loro prestazioni sono molto più elevate rispetto a quelle minime previste per rientrare in questa categoria, tanto che se ci fosse una classe superiore questi apparecchi vi rientrerebbero a occhi chiusi. I prezzi tra un modello e l'altro possono variare tanto, fino a 950 euro, ma diciamo subito per acquistare uno dei due Migliori Acquisti del test bisogna sborsare almeno 1.000 euro. Esistono in commercio modelli più abbordabili, che costano meno di 500 euro. Non ci sentiamo di consigliarli, perché spesso sono il prodotto di assemblaggi di modelli fuori produzione, o fabbricati da aziende che non hanno un centro assistenza e in caso di guasto potrebbe essere un problema la sostituzione di alcune parti.

Producono fresco ma anche calore

I condizionatori del nostro test sono quelli a split fisso, con un elemento da applicare su una parete interna, e un altro all'esterno. Essendo modelli dotati di una pompa di calore sono in grado anche di riscaldare l'ambiente, una funzione che torna utile in inverno. Inoltre sono dotati della cosiddetta "tecnologia a inverter", cioè di un dispositivo che, una volta raggiunta la temperatura impostata, non spegne la macchina ma ne modula la potenza in modo da mantenere costante la temperatura dell'ambiente. Un sistema che evita quei continui "attacca e stacca" della macchina che fanno consumare molta più elettricità e creano piccoli sbalzi di temperatura.

Condizionatori che deumidificano: ma attenti ai filtri

Un'altra funzione comune a tutti gli undici condizionatori testati è quella che permette di deumidificare l'aria l'ambiente - con benefici riflessi sulla traspirazione delle pelle - motivo per cui il condizionatore produce goccioline di condensa. Quanto al sistema di filtraggio dell'aria, che svolge l'azione di bloccare la polvere e catturare le impurità, dimostratosi efficiente in tutti i modelli, i produttori tendono a utilizzarlo come claim pubblicitario nonostante non si tratti di una tecnologia sofisticata. Tanto più che i filtri vanno puliti spesso e sostituiti periodicamente perché durante il funzionamento tendono a intasarsi di spore, muffe e batteri che possono provocare allergie.

Marche testate

  1. Aermec
  2. Argo
  3. Daikin
  4. De' Longhi
  5. Hitachi
  6. Lg
  7. Mitsubishi
  8. Sanyo
  9. Sharp
  10. Toshiba



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.