Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Imballaggi in eccesso

1 dicembre 2007

L'imballaggio, inteso come contenitore che protegge i prodotti, è utile e comodo ed è un simbolo del nostro stile di vita. La necessità di garantire queste funzioni, però, spesso stride con le politiche di riduzione dei rifiuti. I prodotti di frequente sono venduti in imballaggi sovradimensionati, eccessivi e per nulla indispensabili. Il risultato è un costo ambientale. Dobbiamo imparare a riconoscere la confezione giusta dall'esca messa in bella vista sullo scaffale per attirare il nostro sguardo. Scegliere un imballaggio intelligente e adottare abitudini corrette di riuso e riciclo ci farà risparmiare spazio e denaro.

Perché tanti pacchi e confezioni
Una confezione inutilmente voluminosa, più accattivante che utile, serve soprattutto a vendere di più, per avere più visibilità sullo scaffale o per dare un'idea di maggiore convenienza del formato. Questo non significa che gli imballaggi non servano, anzi sono comodi, necessari se non indispensabili. Servono a proteggere la merce e a conservarla, a trasportarla, ma anche a dare informazioni al consumatore sulla natura del prodotto. Spesso, però, l'imballaggio diventa sovraimballaggio e quindi è superfluo. Scatole e involucri vari rappresentano la porzione più abbondante dei rifiuti urbani. Negli anni comunque le aziende hanno iniziato a fare sforzi per inquinare meno. Anche perché ridurre le quantità dei materiali di imballaggio è un bel risparmio anche per loro. Il peso delle bottiglie di acqua minerale, ad esempio, è stato notevolmente ridotto, ma non è ancora abbastanza.

Cosa fare per prevenire
Vediamo quali comportamenti al momento dell'acquisto permettono di fare passi avanti.

  • Minimalista. Sono da evitare i prodotti con sovraimballaggio evidente, confezionati a più strati (come una latta di pomodoro avvolta da cartoncino).
  • Non necessario. A volte l'imballaggio è superfluo. Frutta e verdura, per esempio, possono essere acquistate sfuse piuttosto che confezionate in vaschette di plastica.
  • Pacchi famiglia. Scegliere le confezioni famiglia, a dispetto di quelle monoporzione per single, fa risparmiare soldi e protegge l'ambiente: costano meno e richiedono minor imballaggio.
  • Compatto è meglio. I prodotti concentrati, i detersivi per esempio, hanno confezioni più compatte e anche più comode da trasportare e tenere in casa.
  • No all'usa e getta. Esaurita la loro funzione, gli imballaggi vanno svuotati, sciacquati e compattati per essere poi differenziati correttamente. Con un po' di fantasia possiamo anche riconsegnarli a nuova vita: alcune scatole possono trasformarsi in pratici portaoggetti.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.