Home » Approfondimenti » Analisi » Investimentie e fisco

I (pochi) chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sul nuovo fisco


Vuoi saperne di più su una nostra analisi?

Hai letto una nostra analisi e ti piacerebbe avere qualche chiarimento? I nostri esperti sono a tua disposizione: per spiegarti un termine tecnico o semplicemente per avere maggiori approfondimenti. Sapranno darti risposte precise.

02/6961577

dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00

29 mar 2012

A ben tre mesi di distanza dall’entrata in vigore delle norme sull’unificazione della tassazione delle rendite finanziarie al 20%, l’Agenzia dell’Entrate ha diramato una circolare volta a chiarire i dettagli dell’applicazione di tali leggi. In realtà nelle oltre 100 pagine della circolare le novità rispetto a quanto vi avevamo già detto sono pochissime. Ecco i tre chiarimenti che riteniamo rilevanti.

· A ben tre mesi di distanza dall’entrata in vigore delle norme sull’unificazione della tassazione delle rendite finanziarie al 20%, l’Agenzia dell’Entrate ha diramato una circolare volta a chiarire i dettagli dell’applicazione di tali leggi.
· In realtà nelle oltre 100 pagine della circolare le novità rispetto a quanto vi avevamo già detto sono pochissime. Ecco i tre chiarimenti che riteniamo rilevanti.
·Primo: la tassazione resta al 12,5% non solo per i titoli di Stato italiani, per i titoli di Stato esteri e per le obbligazioni di enti sovranazionali, come la Bei, ma anche per i buoni fruttiferi postali.
·Secondo: la circolare conferma che l’aliquota effettiva di tassazione delle plusvalenze sugli investimenti in fondi comuni varia al variare della quota di titoli di Stato in pancia al fondo al momento della redazione dell’ultimo rendiconto (questa parte resta tassata al 12,5%, il resto al 20%). Se, però, il fondo è giovane e non è disponibile alcun prospetto, la circolare chiarisce che la tassazione è comunque fissata al 20%.
·Terzo: per l’affrancamento (vedi qui) è possibile compensare i guadagni e le perdite tra diversi depositi titoli intrattenuti dallo stesso intestatario presso la stessa banca. In pratica se il signor Tizio ha due conti deposito presso la stessa banca, può portare in deduzione alle plusvalenze derivanti dall’affrancamento dei titoli nel dossier A le minusvalenze derivanti dall’affrancamento dei titoli nel dossier B.
· Per il resto tutto quello che vi avevamo detto in passato nei nostri articoli sul fisco è stato confermato. Trovate il nostro dossier qui. Chi, invece, volesse consultare il testo completo della circolare può cliccare qui.
· Si attendono, invece, ancora i decreti attuativi e le circolari delle agenzie delle entrate sull’applicazione delle nuove regole sul bollo (vedi qui e qui).