Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Cellulare in auto: meglio astenersi

1 ottobre 2007

Lo ripetiamo per l'ennesima volta: telefonare mentre si è alla guida significa mettere in pericolo la propria vita, quella dei passeggeri e quella degli altri utenti della strada. Detto questo se proprio non potete fare a meno del cellulare in auto potete ridurre il rischio utilizzando un auricolare con tecnologia Bluetooth che consente di fare e ricevere le chiamate senza toccare i tasti e senza guardare il display. Si è più sicuri di quando si tiene il cellulare in mano, pratica vietata dal codice della strada (meno 5 punti sulla patente e dai 148 ai 594 euro di multa), ma il rischio di distrarsi rimane.

Auricolari testati
I 26 auricolari Bluetooth che abbiamo messo a confronto offrono una qualità sufficiente anche se suono e voice dialling (i comandi vocali per far partire le telefonate) possono essere ancora migliorati. Abbiamo messo alla prova anche otto auricolari Bluetooth stereo A2DP (Profilo avanzato di distribuzione audio) che consentono non solo di telefonare, ma anche di ascoltare musica. Per gli appassionati di musica, non offrono una qualità del suono accettabile e comunque non sono all'altezza delle cuffie stereo standard.

Come funziona il bluetooth
Tecnologia Bluetooth. Il sistema Bluetooth permette al vostro cellulare e all'auricolare di dialogare a distanza anche senza fili. Quindi se avete un telefonino che supporta la tecnologia Bluetooth e volete utilizzarlo in auto tramite auricolare non dovrete nemmeno tirarlo fuori dalla borsa o dalla tasca: per fare e ricevere chiamate basteranno i comandi vocali (voice dialling). Una volta impostato il vostro cellulare in questo modo, è sufficiente mettere l'auricolare all'orecchio. Attenzione, però, non tutti i telefonini in commercio supportano la tecnologia Bluetooth. Per verificare se il vostro è compatibile potete consultare i nostri ultimi test sui cellulari, anche sul nostro sito.

Un solo auricolare per tanti cellulari. Per funzionare, l'auricolare deve essere sincronizzato con il cellulare. L'operazione si svolge senza problemi per tutti i modelli testati, ma deve essere ripetuta per ogni telefonino con cui l'auricolare deve dialogare. Il problema è che gli auricolari accettano solo un numero limitato di sincronizzazioni per cui può diventare un problema se cambiate spesso cellulare oppure se volete usare lo stesso auricolare per i telefonini di tutta la famiglia. Se questo è il vostro caso, verificate che l'auricolare sia dotato della funzione reset che consente di ricominciare da zero per introdurre nuove sincronizzazioni.

Scendono i prezzi
La buona notizia è che i prezzi degli auricolari sono in diminuzione: due anni fa l'apparecchio Migliore del Test costava 70 euro, mentre oggi 59, ma si può acquistare un buon prodotto anche con circa 30 euro. In media, il prezzo degli auricolari è sceso di circa il 10%.

Marche testate
  1. Cellular Line
  2. Jabra
  3. LG
  4. Logitech
  5. Motorola
  6. Nokia
  7. Plantronics
  8. Samsung
  9. Sony-Ericsson



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.