Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Telefonini per guardare la televisione

1 settembre 2007

Tim li chiama Umts Tv, Vodafone Telefonini Tv e Tre ha persino coniato un neologismo: Tivufonini. Sono quei modelli di cellulari che offrono la possibilità di vedere la televisione in aggiunta alle normali funzioni dei telefoni di ultima generazione.
Stiamo parlando di cellulari in grado di ricevere il segnale televisivo Dvb-H, dando (in teoria) la possibilità di guardare la televisione ovunque direttamente sullo schermo del telefono. Il segnale Dvb-H (Digital video broadcasting-Handheld), ovvero la tecnologia che permette di fruire dei contenuti televisivi su apparecchi portatili, deriva dallo standard Dvb-T (T sta per Terrestrial), cioè quella utilizzata per le trasmissioni della Tv digitale terrestre. Ma a differenza di quest'ultimo, il Dvb-H al momento non dispone di servizi interattivi, che caratterizzano invece il digitale terrestre.

illustration

Serve la Sim speciale
Per poter guardare la Tv con questi apparecchi è necessaria una speciale Sim Card fornita al momento dell'acquisto da uno degli operatori che offrono questo servizio: le normali Sim telefoniche non vanno bene per vedere la televisione, ma solo per usare questi cellulari Tv come normali telefonini. Al momento gli operataori che offrono il servizio sono Tre (il primo a entrare in questo mercato circa un anno fa), Tim e Vodafone. Una volta scelto il paccetto Tv che più vi piace, dovete acquistare anche un modello di cellulare Tv dello stesso operatore; scegliendo la Sim di un operatore e il cellulare di un altro, potreste soltanto utilizzare le funzioni del telefono senza poter vedere la Tv. Ancora peggio va per le Sim di Tre, che rimangono legate (come le normali Sim) esclusivamente ai suoi cellulari, anche semplicemente per telefonare.

Prima di andare in un negozio a comprare Sim e cellulare Tv di un dato operatore è assolutamente indispensabile verificare se, nella zona in cui si intende guardare la televisione, è assicurata la copertura del segnale Dvb-H: potete facilmente controllare sui siti o chiamare i numeri di assistenza dei vari operatori. Bisogna inoltre ricordare che la copertura non è uniforme in tutte le aree in cui viene indicata come buona; non è detto infatti che ci sia una buona ricezione per esempio all'interno di case ed edifici.

Non è come la tivù di casa
Nonostante la martellante pubblicità, che ricorda a più riprese la possibilità di vedere la Tv ovunque e in qualsiasi momento, il servizio di televisione sul cellulare, messo alla prova, non pare ancora maturo e la sua qualità non sembra valere i soldi chiesti dai vari operatori. Principalmente chi decide di acquistare un telefonino per vedere la Tv non deve aspettarsi di poter assistere ai vari programmi nello stesso modo in cui lo farebbe a casa davanti a un comune televisore. La bassa risoluzione del segnale Dvb-H (il segnale standard in Europa per la fruizione della televisione sui dispositivi portatili) fa sì che le immagini che scorrono su questi apparecchi non siano per nulla paragonabili a quelle di un normale televisore. Soprattutto in presenza di eventi sportivi o comunque di immagini con molta azione, le figure sgranate e la perdita dei dettagli la fanno da padrone. A questo si aggiungano le fastidiose interruzioni del segnale (anche se non così frequenti) dovute all'ambiente circostante: in molti palazzi (soprattutto ai piani bassi) la fruizione del segnale è davvero faticosa. Inoltre c'è il problema della copertura della rete, non completa in Italia e inesistente all'estero.

Marche testate

  1. Brionvega
  2. Lg
  3. Samsung



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.