Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Test sulle carte fotografiche

1 gennaio 2007

La carta normale, quella su cui si stampano documenti e lettere, non è adatta per stampare le foto, perché assorbe l'inchiostro in modo difficile da controllare. Serve perciò una carta specifica, più spessa, perché costituita da un doppio strato e dotata di un rivestimento che garantisce una resa fotografica simile a quella professionale.

Tipi da foto

A seconda del tipo di rivestimento, le carte fotografiche cambiano caratteristiche. Le più porose asciugano in fretta, ma danno meno protezione dallo sbiadimento, quelle deformabili si piegano mentre assorbono l'inchiostro per tornare dritte una volta asciutte.
Anche il peso ha la sua importanza. Una carta più spessa e pesante è più rigida e quindi più resistente alle pieghe e agli strappi. Inoltre, più una carta pesa, più si ha la sensazione, tenendola in mano, che sia di buona qualità. Sarà per questo che i produttori tendono a usare i rivestimenti migliori per le carte più pesanti. Il peso è espresso in grammi per m² e le carte prese in considerazione per questo test vanno da 240 a 300 g/m².
Poi c'è l'aspetto della carta, che può essere ultra-lucida (ultra glossy), lucida (glossy), semi-lucida (semi-glossy), satinata (satin) e opaca (mat). La scelta dipende dal gusto di ciascuno. In questo test ci siamo concentrati sulle carte lucide, che sono le più vendute.

Quanti fogli per confezione?

Le carte del test si trovano in confezioni da 10, 15, 20 o 25 fogli formato A4 (circa 20X30 cm), ma potrebbe capitare di trovarle in confezionamenti particolari, con molti più fogli a un costo per pagina ovviamente inferiore: l'acquisto in questo caso è vantaggioso, ma solo se sapete di dover stampare molto. Gli stessi tipi di carta si possono trovare in commercio anche in formati diversi. Quasi tutte le marche del test producono carte anche in formato 10X15, in confezioni da 20 fogli.

Convenienza: laboratorio batte casa quasi sempre

Per stampare a casa una pagina in formato A4 si paga, solo di inchiostro, da 0,76 a 2,62 euro, con una media di circa 1,40 euro.
Se si aggiunge il costo delle carte fotografiche, si vede che si superano i 2 euro per una foto A4. E' un costo in linea con i negozi, per cui la stampa domestica dei formati A4 potrebbe essere un'alternativa valida. Sempre che se ne facciano poche copie: in genere, nei laboratori specializzati, con l'aumentare del numero di stampe aumenta anche la convenienza. Se poi si vogliono stampare sullo stesso foglio 4 immagini 10x15 e poi ritagliarle, allora il costo di ciascuna foto, circa 50 centesimi, è superiore a quello che normalmente si paga in un negozio di fotografia o sui siti internet (indicativamente la metà).

Marche testate

  1. Avery
  2. Burgo
  3. Canon
  4. Epson
  5. Fujifilm
  6. Hp
  7. Kodak
  8. Lexmark
  9. Pelikan
  10. Tetenal



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.