Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Cdv Mini Combo Tv

1 maggio 2007

Grande come un Hi-fi micro, il Mini Combo Tv racchiude in sé anche un lettore Dvd e una Tv con digitale terrestre. Ma non è tutto oro quello che luccica.

L'italiana C.D.Video lo sta reclamizzando con una campagna pubblicitaria in grande stile, ma il Mini Combo Tv non è proprio quel pratico concentrato di tecnologia che viene descritto. È la conclusione a cui siamo arrivati quando l'abbiamo acquistato e messo alla prova. Si tratta di un lettore Dvd, un mini Hi-fi (con casse, radio Fm e porta Usb) e una Tv con digitale terrestre, tutto in un unico dispositivo. Il corpo centrale è sì largo 20 cm (come dice la pubblicità) ma è anche altrettanto profondo (30 cm) e alto (23 cm). Inoltre l’insieme del dispositivo e dei due altoparlanti (più che "separati", non possono proprio essere fissati al corpo centrale) è ingombrante e rende difficile il trasporto.
L’apparecchio possiede un monitor integrato da 7", che consente di guardare i Dvd, i DivX e la Tv (analogica e digitale); ma, a causa di queste ridotte dimensioni, bisogna sedersi molto vicino al dispositivo. Inoltre guardare un film in più persone o in posizione non frontale diventa difficile perché lo schermo non può essere orientato a piacimento. Collegato a uno schermo Tv esterno, il suo utilizzo è più agevole e tutto sommato piacevole, anche perché l'immagine è paragonabile a quella di un lettore Dvd di buon livello.
La qualità del suono è piuttosto buona (così come le casse in dotazione); si sente però un noioso rumore di fondo in modalità lettore Dvd e in quella Dvb-T (modalità di visione con il digitale terrestre).
A confronto con singoli apparecchi di buona qualità (lettori Dvd, Hi-fi e Tv) il Cdv Mini Combo Tv offre meno funzioni ed è anche meno pratico. In particolare il sintonizzatore analogico del Combo è meno efficiente rispetto a quello di un normale televisore: non è possibile ad esempio cambiare l’ordine dei canali o eliminare quelli già trovati. Infine, la maggior parte delle funzioni di controllo è disponibile soltanto sul telecomando e alcune non sempre funzionano: è il caso del tasto “mute” (che dovrebbe togliere l'audio), che non si attiva quando si guarda la Tv analogica. Per concludere, il consumo è limitato durante l'uso (20 W) ma eccessivo in stand-by (6 W), forse per via della costante (e inutile) illuminazione della manopola audio: il consiglio è di spegnerlo sempre completamente.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.