Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Liberalizzazioni dei farmaci

28 aprile 2012

Alessandro Curto e Livio Garattini

La distribuzione farmaceutica è un settore storicamente soggetto a rigida regolamentazione in Italia (e non solo), a causa della particolarità del bene “farmaco” che, diversamente da qualsiasi altro genere di consumo, possiede un forte legame intrinseco con la salute umana, interesse della collettività oltre che diritto individuale inalienabile e costituzionalmente garantito (art. 32 Cost.). A testimonianza di ciò, anche in tempi meno recenti è stata introdotta una serie ulteriore di norme atte a regolarne l’attività di distribuzione a livello di fi liera, attraverso le c.d. “buone pratiche di distribuzione” (D.M. 6 luglio 1999) e la c.d. “tracciabilità del farmaco” (D.M. 15 luglio 2004). La recente conversione in legge del Decreto Liberalizzazioni (D.l. n. 1 del 24 gennaio 2012), noto con il nome di cresci-Italia, ci offre lo spunto per l’ennesima rifl essione sul tema.


OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.