Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Diritti del malato

1 dicembre 2008
Diritti del malato

Per poter far valere i propri diritti, bisogna prima di tutto conoscerli.
Il principio, nella sua ovvietà, è fondamentale e vale in tutti i campi, anche in quello particolarmente delicato che riguarda la nostra salute. Per sapere quanto gli italiani conoscono i propri diritti nei confronti del medico o della struttura ospedaliera con cui hanno a che fare, abbiamo interpellato oltre 1.400 persone. Attraverso il nostro sito abbiamo inoltre raccolto altre decine di testimonianze sull'argomento.

Pazienti poco informati
Il quadro che ne emerge è sconfortante. Un dato su tutti: più del 60% degli italiani che ci ha risposto ammette di non essere ben poco informato dei propri diritti di paziente. Una percentuale così elevata aumenta il rischio di un comportamento passivo da parte del malato, che potrebbe finire per affidarsi acriticamente ai camici bianchi. L'atteggiamento del paziente è fondamentale per favorire la trasparenza e l'informazione nel settore: di fronte al medico bisogna essere attivi, chiedere tutte le spiegazioni necessarie e pretendere risposte chiare ed esaurienti. Solo avendo un quadro completo della propria situazione sanitaria (differenti trattamenti possibili, eventuali effetti collaterali, durata della cura…) si è davvero padroni di scegliere come curarsi e di interagire concretamente con il dottore. Sotto questo aspetto, la strada da fare per migliorare la situazione è ancora lunga.

Se il medico sbaglia
Ritenete di essere stati vittima di un errore o di un incidente medico? Prima di rivolgervi al tribunale, rischiando di spendere molto tempo e denaro, vale la pena di provare a chiedere un risarcimento in denaro all'assicurazione della controparte. Tutti gli ospedali sono assicurati e la maggior parte dei medici è coperta da una polizza per la responsabilità civile.

  • Raccogliete tutta la documentazione sulla vostra vicenda (cartella clinica, analisi, prescrizioni…).
  • Chiedete il parere di un altro medico o rivolgetevi a un'associazione che tutela i diritti dei pazienti (per esempio il Tribunale del malato).
  • Se disponete di una polizza di assistenza giudiziaria, contattate la vostra assicurazione.
  • Prima di rivolgervi al tribunale, provate la strada della via amichevole: inviate una richiesta scritta di risarcimento al medico (o all'ospedale) e alla sua assicurazione.
  • Per valutare l'eventuale proposta di risarcimento dell'assicurazione è consigliabile avere la perizia di un medico legale sulla quantificazione del danno.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.