Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Inchiesta sui disturbi della psiche

1 dicembre 2007

Una persona su quattro soffre di problemi psichici almeno una volta nella vita. Il 30% li affronta da solo. Chi si rivolge a specialisti spesso non sceglie strutture pubbliche. Le cure sono più efficaci se ai farmaci si associa una terapia basata sull'ascolto e il conforto della parola. È in estrema sintesi quanto è emerso dalla nostra inchiesta che ha coinvolto quattro Paesi: Italia, Belgio, Spagna e Portogallo. L'indagine era divisa in due parti: un primo questionario è stato consegnato a un campione rappresentativo della popolazione adulta tra i 18 e i 74 anni, con l'obiettivo di scoprire quali sono i disturbi mentali più diffusi, quante persone ne soffrono e come questi disturbi hanno influito sulla qualità della loro vita (per esempio se sono state causa di discriminazioni sociali o professionali). Il secondo era rivolto alle persone che, negli ultimi cinque anni, sono state in cura a causa di problemi psicologici. Abbiamo indagato sul tipo di trattamento seguito (ricovero in un reparto psichiatrico ospedaliero, relazione privata con psicoanalisti...), sui benefici ottenuti, se la cura prevedeva l'uso di farmaci e come gli intervistati hanno giudicato la relazione con il medico curante.

Pochi si rivolgono a strutture pubbliche
Contrariamente a quanto succede negli altri Paesi, in Italia chi decide di rivolgersi a un dottore per lenire i "dolori dell'anima" - soltanto l'11% - non sceglie il medico di famiglia (solo il 7%). La stragrande maggioranza si rivolge a uno psicologo (36%), o a uno psichiatra (22%) oppure a un neurologo (14%). Anche l'eventualità di consultare un altro tipo di terapeuta, per esempio l'omeopata, è poco diffusa da noi.
Quello che sorprende è che in tutti i Paesi coinvolti nella nostra inchiesta coloro che si sono subito rivolti a uno specialista si sentono, all'inizio della terapia, maggiormente angosciati rispetto a chi è andato per esempio da un medico generico: in Italia sono il 23% contro il 12%. Inoltre, chi decide di sottoporsi a una terapia preferisce nel 68% dei casi il sistema privato e non quello pubblico. La ragione principale potrebbe essere che il servizio sanitario pubblico ha fama di occuparsi soprattutto di malattie psichiche più gravi.

Il tipo di terapia
Come si sceglie una cura piuttosto che un'altra? Secondo la nostra indagine, la ragione principale della scelta sta nella gravità del disturbo, ma conta anche il tipo di disturbo, l'esperienza del terapeuta e anche la preferenza del paziente. Quanto all'efficacia della cura, la percentuale di chi dice di stare traendo beneficio è più alta nelle persone che stanno seguendo una terapia combinata, cioè a base di farmaci e di dialogo con il proprio terapeuta (il 68% contro il 60% di chi sta seguendo solo una terapia verbale e il 65% di chi prende solo farmaci).



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.