Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Poco trasporto verso l'ambiente

1 ottobre 2007

Se ne parla spesso a proposito dell'effetto serra, ma l'ozono esiste anche a bassa quota in campagna come in città. E la nostra salute ne risente. Come premunirsi.

Quali rischi per la salute
L'ozono è un gas dannoso per la salute con cui conviviamo molti giorni all'anno, sia in città sia in campagna. Gli effetti maggiori si hanno sull'apparato respiratorio, colpito soprattutto nei soggetti più sensibili, come anziani e bambini, o nelle categorie a rischio (gli asmatici). I momenti più critici si raggiungono d'estate, quando i picchi di ozono sono elevati soprattutto nelle grandi città, ma anche in autunno e in inverno il gas può essere una minaccia.

Alle amministrazioni comunali spetta il compito di informare tempestivamente la popolazione sull'inquinamento dell'aria e sulle misure da adottare. Purtroppo dell'ozono si sente parlare troppo poco e i cittadini sono a malapena informati.

Come proteggersi dall'ozono
A seconda del grado di inquinamento, che potete conoscere attraverso tv e giornali, almeno nei periodi dell'anno più critici, o attraverso i dati pubblicati dalle stazioni di monitoraggio gestite dalle Arpa locali, si possono prendere alcuni accorgimenti per proteggere la propria salute.

L'unica forma di prevenzione contro l'ozono è restare in casa, soprattutto in certe ore della giornata in cui si registrano i picchi maggiori. L'esposizione al gas va evitata soprattutto di pomeriggio, ovvero nelle ore più calde (tra le 14 e le 18). Conviene uscire al mattino presto o la sera tardi, in modo da evitare le ore in cui si raggiungono i picchi maggiori. Tra le mura domestiche le concentrazioni di ozono sono molto inferiori (circa il 50%) a quelle cui si è esposti all'aperto. Le sorgenti indoor di ozono, infatti, sono pochissime (per esempio lo sono le fotocopiatrici).

Quando salgono i valori di ozono l'attività sportiva all'aria aperta, soprattutto se intensa, è sconsigliata a tutti. Se aumenta la frequenza respiratoria, infatti, cresce anche l'esposizione al gas e ad altri inquinanti.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.