Il mondo Altroconsumo:
News

Epostepay la carta prepagata virtuale di Poste Italiane

22 luglio 2013
Epostepay la carta prepagata virtuale di Poste Italiane

EPostepay è una prepagata ricaricabile virtuale che serve per fare acquisti online. Una buona soluzione per chi non ha una carta di credito e vuole fare shopping online senza appesantire il portafoglio con l’ennesima tessera. Il pregio è che non ha costi di emissione né di blocco o di rimborso. Si paga solo la ricarica.

Non è una tessera fisica che si può usare nei negozi, ma solo un numero di carta utilizzabile per comprare sui siti di ecommerce che accettano carte Mastercard. Se proprio la vuoi tenere in mano puoi sostituirla con una carta fisica Postepay NewGift in un qualunque ufficio postale presentando numero della carta e codice di rimborso della e-postepay. Ti  costa 5 euro. L’Epostepay non ha costi di emissione (a differenza della tradizionale Postepay che costa 7 euro), né per il blocco, né per il rimborso. Gli unici costi sono legati alla ricarica che, per chi non ha una carta di credito e non è cliente Bancoposta o Postemobile,  può essere fatta solo in contanti negli uffici postali al costo di un euro. Un po’ scomodo. Se si ricarica la carta da punti vendita Sisal o punti Snai il costo è di 2 euro.

La ricarica con carta di credito non conviene
Se ricarichi la e-postepay con una carta di credito Visa o Mastercard sul sito www.postepay.it il costo lievita: paghi un euro la ricarica più l'1,5% dell’importo caricato. Ad esempio se metti 200 euro sulla e-postepay ne paghi  4 di ricarica. Un po’ troppo.

La puoi chiedere sul web
Per avere la carta Epostepay non è necessario il  conto corrente: basta andare sul sito www.postepay.it oppure sulla App per smartphone e tablet “Postepay”, oppure dalla App Postemobile store, se sei cliente Postemobile. E’ subito attiva ma senza soldi, quindi, devi caricarla. Se non lo fai entro 60 giorni dal rilascio viene disattivata automaticamente. Il numero della Epostepay (il cosiddetto Pan) viene immediatamente visualizzato a video dopo la procedura di richiesta, mentre via sms al cellulare indicato dal cliente al momento della richiesta vengono inviati il codice di sicurezza CVC2 (quello riportato in genere sul retro di una carta di credito o prepagata), la data di scadenza della carta (valida al massimo due anni), il codice di blocco e di rimborso.

Tutelati in caso di furto o smarrimento
In caso di furto o smarrimento dei codici bisogna informare immediatamente il servizio clienti bloccando la carta e fare denuncia alle Autorità competenti. Prima del blocco la responsabilità per il titolare potrà essere al massimo di 150 euro e dopo il blocco il titolare non sarà responsabile per eventuali utilizzi fraudolenti fatti da terzi.

Se sei cliente di Postemobile hai più servizi
Chi è utente Postemobile può richiedere una e-postepay dalla Sim postemobile:  in questo caso la carta virtuale sarà associata direttamente alla sim e avrà particolari funzionalità da gestire direttamente col telefono. Se la sim viene persa o rubata allora si dovrà procedere all’estinzione della carta e-postepay altrimenti non  si potrà chiedere una nuova carta virtuale. Potrà essere ricaricata a costo zero direttamente con la sim telefonica. Con la sim e la carta virtuale (così come accade anche con la normale postepay) si potranno pagare i bollettini postali al costo di 1,15 euro, i bollettini Rav 1,38 euro. I costi saranno scalati direttamente dal credito telefonico.



Prova ora: 2 euro 2 mesi