Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Mutui:l'accordo Abi-Tremonti

1 settembre 2008
Mutui:l'accordo Abi-Tremonti

Rinegoziare il mutuo secondo il patto tra banche e governo non conviene. Vi spieghiamo perchè.

Brutti tempi, per chi è indebitato: il costo del denaro aumenta e - a eccezione di chi si è messo al riparo in anticipo, scegliendo un mutuo a tasso fisso, più costoso, ma senza rischi - le famiglie italiane seguono con apprensione la continua crescita delle rate mensili per pagare la casa. Unito al generale aumento dei prezzi, un mutuo a tasso variabile rischia oggi di trasformarsi in un fardello insostenibile per molte famiglie.

Un vero e proprio allarme sociale, cui il Governo ha voluto rispondere con un accordo siglato tra il ministero dell'Economiae l'Abi, associazione delle banche italiane. Le banche, che restano libere di aderire o meno alla Convenzione, se lo fanno devono obbligatoriamente proporre la rinegoziazione a tutti i loro mutuatari, anche quelli "in sofferenza", cioè che non hanno pagate delle rate.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.