Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Cercasi Taeg disperatamente

1 luglio 2007

Dalla nostra analisi dei siti di commercio elettronico che danno la possibilità di pagare a rate, risulta che l'offerta dei finanziamenti avviene purtroppo in maniera poco chiara e in molti casi in violazione della legge. In troppi casi, per esempio, si attira il cliente con un "Tasso zero" (invogliandolo così ad acquistare il prodotto) che in realtà "zero" non è. E pensare che in Italia esistono numerose normative a tutela del consumatore, soprattutto sul fronte della trasparenza.

Costi poco trasparenti

Le sirene del "compri oggi e paghi domani, in comode rate mensili" attirano sempre di più gli italiani che firmano contratti di finanziamento per comprare mobili, elettrodomestici, l'auto... Purtroppo, c'è ancora tanto da fare per ottenere una reale trasparenza su condizioni e costi dei finanziamenti presenti sul mercato.
Il Taeg (Tasso annuo effettivo globale che comprende oltre al tasso di interesse anche tutte le spese accessorie), il vero indicatore del costo di un prestito, resta uno sconosciuto o viene confuso con il Tan (Tasso annuo nominale).
È quanto emerge dalla nostra inchiesta che ha scandagliato le offerte di pagamento rateale di 185 punti vendita di otto città italiane (Bari, Brescia, Bologna, Genova, Milano, Roma, Napoli e Torino). Nella metà dei negozi visitati gli addetti alla vendita danno un'informazione sbagliata sul Taeg e anche ottenere il contratto di finanziamento per valutare le condizioni è un'impresa quasi impossibile.

Attenzione al sovraindebitamento

Per evitare il rischio di sovraindebitamento, fate attenzione che le rate non superino il 30% delle vostre entrate mensili. Se il tasso che vi hanno applicato vi sembra molto alto, verificate che non arrivi all'usura. Se supera il tasso soglia per l'usura fissato ogni tre mesi dalla Banca d'Italia (controllate su www.bancaditalia.it) potete rivolgervi al tribunale che lo dichiarerà nullo.
Controllate chi vi offre il prestito: sono autorizzate solo le banche e gli intermediari finanziari o i mediatori creditizi iscritti nell'apposito albo tenuto dall'Ufficio italiano dei cambi (www.uic.it), Non firmate mai cambiali.

Calcolare il Taeg online

Prima di chiedere un prestito fate attenzione ai costi: non accontentavi del Tan (Tasso annuo nominale), ma chiedete sempre il Taeg (Tasso annuo effettivo globale, che indica il costo effettivo del finanziamento e include tutte le spese). Per legge, il Taeg deve essere indicato in tutti gli annunci pubblicitari e nelle offerte fatte al pubblico che indicano le condizioni economiche del credito, ma dalla nostra inchiesta emerge che chi ha bisogno di denaro è spesso vittima di campagne pubblicitarie che non rispettano le regole di trasparenza dettate dalla legge. Se non trovate il Taeg o volete verificare se quello che vi hanno comunicato è corretto, potete utilizzare il foglio di calcolo disponibile nella sezione servizi online.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.