Il mondo Altroconsumo:
Articoli riviste

Consapevoli o no?

1 gennaio 2005
Consapevoli o no?

Le scelte di consumo hanno assunto significati nuovi nel privato, nella società, nel mercato. Consumare non è più solo un’azione razionale rispetto a un bisogno ma può essere un comportamento ricco di significati e di valori.

Editoriale

Le scelte di consumo hanno assunto significati nuovi nel privato, nella società, nel mercato. Consumare non è più solo un’azione razionale rispetto a un bisogno – da soddisfare certo nel modo più vantaggioso per sé – ma può essere un comportamento ricco di significati e di valori. È una delle forme del nuovo millennio di partecipazione sociale e, perché no, anche politica, che spazia dal vicinissimo - riscoprendo, ad esempio, le identità locali – al globale, aprendosi sul mondo e sui valori universali. Questo è possibile perché i consumatori sono i protagonisti chiave di quello che è, più che mai in questo momento storico, il vero motore dell’economia: il mercato. È qui che ormai si scontrano diverse visioni del mondo e si affermano, nel bene e nel male, identità individuali e comportamenti sociali. È qui che vengono alla luce conflitti e iniquità. Questo è il campo di battaglia, concreto e quotidiano, per denunciare gli abusi, difendere i diritti, lanciare messaggi o fare pressioni su chi è chiamato a decidere e a legiferare.

Comprare un prodotto meno caro non è dettato solo dal desiderio di risparmiare: magari anche dal voler dare un proprio contributo alla concorrenza. Cambiare banca o compagnia telefonica può esprimere la volontà di non accettare l’arroganza di condizioni inique o di togliere potere a chi opera in posizione dominante. Scegliere un prodotto equo e solidale esprime il desiderio di porre fine a ogni sfruttamento o protestare contro lo strapotere delle multinazionali. Costituire un gruppo di acquisto significa voler ristabilire un rapporto più diretto con la produzione e così via, mettendo l’accento ora sull’ambiente, ora sulla tradizione, ora sui diritti. Fino ad arrivare, attraverso i consumi, a vere forme di contestazione, boicottando prodotti o marche con motivazioni puramente etiche.

La coscienza che l’azione individuale può diventare uno strumento di pressione è un fatto molto positivo e importantissimo. Ma le scelte, per essere davvero razionali e giuste in ogni accezione, e dunque anche incisive, hanno bisogno di essere supportate da una informazione seria e affidabile.

Altrimenti si rischia di farsi spingere da ragioni utopistiche, poco efficaci, oppure di cadere in trappole nuove - perché il marketing ormai cavalca anche questi temi – rimanendo dentro un sistema che non ha forti incentivi a cambiare. Le informazioni sono il primo strumento che vi offriamo perché, per prezzo e qualità, attenzione alla salute e alla sicurezza, agli aspetti sociali e ambientali, le vostre siano scelte consapevoli e non influenzate dalle seduzioni della pubblicità o della moda del momento.

Ma oggi è anche più che mai necessaria una rappresentanza forte, indipendente e trasversale. Per quanto ci riguarda, i consumatori di cui ci facciamo portavoce sono tutti i cittadini, di qualsiasi classe sociale o appartenenza politica: rappresentarli non significa dunque difendere una categoria, ma lavorare per una convivenza equa e democratica. Il mondo politico (anche qui senza distinzioni di colore) è   incapace di smarcarsi dagli interessi forti e ben rappresentati: i suoi interlocutori privilegiati e da non scontentare mai rimangono, a seconda del settore su cui si deve intervenire, le banche, le imprese, i commercianti, i professionisti e via dicendo, e non i loro utenti e clienti, i cui interessi e desideri passano sempre in secondo piano. Miopia   o sudditanza, le conseguenze già un po’ si vedono: l’accresciuta maturità di chi consuma - che già fa registrare un calo delle vendite – presto o tardi, detterà le sue condizioni.



OK Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.