News

Treni: sulla tratta Milano-Torino arrivano i privati

15 novembre 2010
Treni: sulla tratta Milano-Torino arrivano i privati

Debutta il primo servizio privato su rotaie per i pendolari, ma per il momento niente fermate intermedie. "Trenitalia ci sta ostacolando in tutti i modi" denuncia l'ad della società Arenaways. La nostra segnalazione all'Antitrust.

Debutta il primo servizio privato su rotaie per i pendolari, ma per il momento niente fermate intermedie. "Trenitalia ci sta ostacolando in tutti i modi" denuncia l'ad della società Arenaways.

L'ora di Arenaways
La buona notizia è che arriva un operatore privato a far concorrenza a Trenitalia sulla tratta Milano-Torino. I treni di Arenaways, questo il nome del contendente privato, partono il 15 novembre. La cattiva notizia è che, com'era prevedibile, Trenitalia ha puntato i piedi e ha cominciato "a porre ostacoli di ogni tipo". È quanto denuncia l'amministratore delegato della compagnia Arenaways, Giuseppe Arena, un ex capostazione che ha lavorato per trent'anni in Trenitalia e che gli ingranaggi li conosce bene. "Avevamo previsto dieci corse giornaliere, e l'ok ce l'abbiamo solo per due. Volevamo fare fermate intermedie (Rho, Novara, Vercelli, Santhià, Asti, Alessandria, Voghera e Pavia) per offrire un servizio ai pendolari. Ma al momento non ci è concesso di fare alcuna fermata, ma solo di partire da un capoluogo e raggiunge l'altro e viceversa". Arena annuncia ricorsi a catena: "Denuncia all'Antitrust e alla Commissione europea".

Trenitalia non vuole interferenze
Ma quali sono le motivazioni di questi stop? In un documento inviato ad Arenaways dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Ufficio per la regolazione dei Servizi ferroviaria) si capisce fin troppo bene la ragione: "Affinché non vi sia interferenza alcuna con i servizi per i quali è previsto il contributo pubblico". Risposta che definire imbarazzante è poco. A cosa servirebbe altrimenti la concorrenza se non a interferire, a scardinare posizioni di rendita e di dominio? Insomma la concorrenza rimane al momento lettera morta. Anche la reazione della Regione Piemonte è sbalorditiva. In una nota conferma il parere favorevole al servizio della società di Alessandria, a condizione che "le tariffe applicate siano comunque superiori al sistema tariffario regionale e sovra regionale". Ancora una volta si impone di non dare fastidio. Insomma la parola d'ordine è non interferire: la concorrenza può tranquillamente restare lettera morta. Ma non avevano liberalizzato il settore?

Il confronto con Intercity e Alta velocità
Altroconsumo ha preparato un confronto tra i vettori di Trenitalia e quelli della cordata di imprenditori sabaudo-lombardi. I treni di Arenaways si porrebbero in una fascia intermedia tra Intercity e Alta velocità. Sono più veloci dei primi, ma meno dei secondi. Il prezzo è molto competitivo (17 euro). Nonostante la tariffa sia più alta di quella per la seconda classe dell'Intercity, il comfort è presumibilmente superiore rispetto a questo: le poltrone sono più alte e lo spazio tra l'una e l'altra è maggiore. Inoltre il treno è attrezzato per i disabili (che possono salire senza prenotare due giorni prima il servizio). Esiste un'unica classe: tutte le carrozze sono uguali. "Noi non facciamo distinzioni di classe", ribadisce orgogliosamente l'ex capostazione ora divenuto imprenditore.

CONFRONTO SULLA TRATTA MILANO-TORINO
  ARENAWAYS TRENITALIA
Tutti i treni   Intercity Alta Velocità
Durata del viaggio 1 ora 35'   1 ora 50' 1 ora 3'
Costo del biglietto 17 euro (classe unica) 1°classe 19.50 euro 44 euro
2° classe 14.50 euro 31 euro
Costo abbonamento mensile a partire da gennaio 1°classe 228 euro 410 euro
2° classe 147 euro 290 euro
Dove di acquista il biglietto online, a bordo senza sovrapprezzo, in edicole e tabaccherie autorizzate, biglietterie self service (a breve) stazione, online, biglietterie self service, a bordo con sovrapprezzo, call center


Risorse


Prova ora: 2 euro 2 mesi