News

Gasatore Sodastream Fizz

12 ottobre 2011
gasatore

12 ottobre 2011

Lo abbiamo testato e abbiamo riscontrato che è meno "gasante" rispetto a quanto riferito dall'azienda. manca anche il risparmio economico: a tre anni dall'acquisto, continua a essere più conveniente l'acqua minerale.

C’è una sola alternativa all’acquisto e al trasporto delle cassette d’acqua dal supermercato. Il gasatore è un apparecchio che rende effervescente l'acqua di rubinetto arricchendola con anidride carbonica contenuta in apposite cartucce. Per ottenere una buona effervescenza, è necessario utilizzare acqua fredda e di buona qualità.

Il nostro test Sodastream, azienda leader mondiale nella preparazione domestica di bevande gasate, da qualche mese ha immesso sul mercato il suo ultimo prodotto: il gasatore Fizz, dotato di un microchip che mostra la gasatura ottenuta e avverte quando il livello di anidride carbonica alimentare del cilindro sta per finire. Ma l’apparecchio che promette fino a 80 litri di acqua effervescente, nel nostro test è riuscito a trasformarne soltanto 53,4. Se l’utilizzo è risultato agevole, qualche difficoltà è stata riscontrata nel pulire l’apparecchio nel lungo periodo, dal momento che la base della bottiglia fornita in dotazione non è completamente staccabile. Positive sono state le indicazioni emerse dopo la prova di assaggio: non sono stati rilevati odori o sapori sgradevoli, perciò l’apparecchio è stato promosso dal punto di vista qualitativo.

I prezzi Il gasatore Sodastream costa 149,90 euro. La confezione comprende, oltre all’apparecchio: un cilindro di anidride carbonica, il certificato per l'uso e una bottiglia riutilizzabile per gasare un litro d’acqua. Un cilindro di gas costa 29,90 euro, ma se l’acquisto è contestuale alla restituzione di quello già utilizzato il prezzo scende di oltre il 50%: 12,50 euro.
La spesa dell’apparecchio permette di non utilizzare più le bottiglie di acqua minerale, con il risparmio che ne consegue: sulla produzione (quindi petrolio e plastica), ma anche sul trasporto che avviene per lo più su gomma. Dal punto di vista economico, invece, continua a essere più conveniente l’acqua comperata al supermercato. Dal test, infatti, l’apparecchio è risultato poco vantaggioso anche tre anni dopo l’acquisto.
Le bombole vuote sono un rifiuto, del genere RAEE: rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Una volta utilizzate andranno conferite nelle piazzole comunali o ritirate da parte di chi vende un analogo apparecchio nuovo.


Stampa Invia