Speciali

Capsule per il caffè espresso: come sceglierle

21 giugno 2016
capsule caffè

21 giugno 2016

Secondo gli estimatori del caffè, non c’è tazzina domestica che possa competere con la bon­tà dell’espresso del bar, se non quella ottenuta con la capsula. Ma per scegliere quella giusta bisogna tenere conto di diversi parametri. Ecco una piccola guida per orientarsi nella scelta.

Pratico, veloce, pulito. Ma soprattutto buono. Questo spiega perché tutti van­no pazzi per il caffè ottenuto dalle cap­sule di caffè usa e getta, non importa che sia quattro-cinque volte più caro di quello preparato con la classica moka. Secondo gli estimatori, non c’è tazzina domestica che possa rivaleggiare con la bon­tà dell’espresso del bar, se non quella ottenuta con la capsula. Il vantaggio principale è di potere preparare l’espresso in casa, senza alcuna particolare perizia, basta inserire il “bussolotto” nella macchina da caffè, e il risultato è comunque garantito.

Sistemi aperti o sistemi chiusi?

Anche se i più graditi all’assaggio sono di solito i caffè ottenuti da  capsule di caffè interamente (o prevalente­mente) della specie Arabica, non si può generalizzare. È capitato che capsule composte al 100 % da Arabica, invece non siano piaciute ai giudici assaggiatori da noi interpellati. Insomma, una capsula non vale l’altra. Molti sistemi non permettono di cambiare marca. At­tenzione ai sistemi chiusi: una volta comprata la mac­china compatibile solo con una determinata marca di capsule si è costretti a utilizzare quelle. Quindi, meglio pensarci prima: mai partire dall’acquisto della macchina da caffè, ma dalla capsula giusta. Sono sistemi chiusi quelli, per esempio, di Illy e Bialetti, mentre Nespresso lo è stato finché non è arrivata Vergnano con le sue capsule compati­bili (e più economiche). Un altro vantaggio delle capsule compatibili è che sono più facilmente reperibili sul mercato. A differenza di quelle Nespresso, che si vendono solo nelle boutique monomarca o sul sito internet della multinazionale svizzera, le capsule compatibili con diverse macchine si possono comprare al supermercato.

Attenzione all'impatto ambientale

Che siano in plastica o alluminio, le capsule usa e getta inquinano lungo tutto il ciclo di vita. Anche quando le si definisce ecologiche, come fa Vergnano con le sue capsule realizzate in una plastica che si degrada più velocemente, il loro destino è di finire nelle discariche o essere bruciate negli inceneritori: non possono essere riciclate, né messe nell’umido. Se consideriamo che nel calcolo dell’impatto ambien­tale complessivo, le capsule incidono per il 90%, men­tre la macchina da caffè e i consumi di energia solo per il 10%, una soluzione al problema è più urgente che mai. Ci prova Nespresso, che nei suoi punti ven­dita ritira le capsule usate, per affidarle a una socie­tà che divide l’alluminio dal fondo di caffè: il primo viene riciclato al 100%, la polvere di caffè è invece utilizzata per la produzione di compost.


Stampa Invia