News

Alli farmaco per dimagrire venduto con leggerezza Il video con telecamera nascosta

08 aprile 2010
farmaci dimagrire

08 aprile 2010

Come comuni consumatori, siamo andati in farmacia a comprare Alli, un farmaco per dimagrire indicato solo per persone in forte sovrappeso. Ce lo hanno venduto senza dire una parola, sebbene la nostra inviata sia tutt'altro che grassa.

Il nostro test in farmacia

Nel mese di gennaio abbiamo percorso in lungo e in largo Milano, Torino, Napoli, Palermo, Roma e Bari alla ricerca di Alli. In tutto abbiamo visitato 103 punti vendita chiedendo questa nuova pillola per dimagrire: volevamo vedere come questo farmaco viene venduto, se il farmacista fa domande e ne spiega le caratteristiche prima di venderlo.

Guarda il video

Come comuni consumatori, siamo andati in farmacia a comprare Alli, un farmaco per dimagrire indicato solo per persone in forte sovrappeso. Ce lo hanno venduto senza dire una parola, sebbene la nostra inviata sia tutt'altro che grassa. È capitato molto spesso nel corso della nostra inchiesta in sei città italiane.

Donne con leggero sovrappeso

A risponderci sono state 58 farmacie, 9 parafarmacie e 3 ipermercati, i punti vendita in cui il farmaco era disponibile o prenotabile. Hanno collaborato all'inchiesta alcune donne con peso nella norma o tecnicamente in leggero sovrappeso (indice di massa corporea tra 24 e 26), per cui questo farmaco non è indicato. Abbiamo scelto un profilo piuttosto realistico: quello di una donna sana, che vuole perdere qualche chilo senza fatica (non è a dieta e non fa esercizio fisico). Una donna che non conosce e non ha mai usato questo farmaco. I risultati sono sconfortanti: il 74% dei farmacisti ci ha venduto il farmaco senza svolgere quel ruolo di filtro che avrebbe garantito di dispensare il prodotto solo alle persone aventi le giuste caratteristiche per utilizzarlo.

Cos'è Alli

Nel mondo dei farmaci per dimagrire Alli non è una novità. Si tratta di una vecchia conoscenza, il principio attivo orlistat approvato sul finire degli anni novanta dall'Emea, l'Agenzia europea del farmaco, come trattamento anti obesità, che si è "riciclato". Ha semplicemente dimezzato il dosaggio, e cambiato nome, diventando un farmaco in libera vendita.

In gergo tecnico questa operazione si chiama "switch": si prende un vecchio principio attivo e lo si fa passare da farmaco per cui ci vuole la ricetta del medico a farmaco da automedicazione, vendibile cioè senza prescrizione. È quello che è successo tra la fine del 2008 e l'inizio del 2009 quando l'azienda farmaceutica Glaxo ha chiesto di poter commercializzare l'orlistat nel formato da 60 mg (al posto dei classici 120 mg del Xenical Roche) come farmaco da banco, ricevendo parere positivo da parte dell'Ema.

Scelta discutibile

L'arrivo di Alli è il primo caso di "switch" in Europa. Questa decisione delle autorità europee ha destato molte perplessità. Il Beuc, l'organismo che riunisce le associazioni di consumatori europee di cui Altroconsumo fa parte, ha espresso critiche durissime nei confronti di questa manovra, con la speranza, purtroppo inascoltata, di fermare la delibera. Il perché è semplice: l'orlistat non ha le caratteristiche di un farmaco che può essere venduto liberamente. Non fosse altro per il fatto che l'obesità per cui è indicato questo trattamento non è una condizione che una persona può gestire da sé, né è un disturbo passeggero che si risolve con una pillola. Inoltre, il lungo elenco di effetti indesiderati più o meno gravi e fastidiosi e il profilo assai ristretto di chi in teoria trae beneficio da questo farmaco non giocano a favore della sua vendita libera. Infine, il trattamento deve essere inserito all'interno di un programma di dimagrimento completo, che prevede una dieta corretta e uno stile di vita dinamico. Lo diciamo sempre, anche quando ci occupiamo di altri prodotti per dimagrire: non basta prendere una pillola se non si cambiano le abitudini scorrette.


Stampa Invia