Guida all'acquisto

Come scegliere la bilancia da cucina

bilancia da cucina

Per alcune ricette, soprattutto per i dessert, o per chi è a dieta sono fondamentali. Stiamo parlando delle bilance da cucina. Meglio sceglierne una digitale o meccanica? Qual è la differenza? Ecco alcuni consigli che puoi seguire prima di comprarne una.

Le bilance in vendita sono tantissime, ma la prima grande distinzione da fare è tra digitale e meccanica:

  • digitale: sono più piccole e leggere, possono essere riposte anche in un cassetto, pesano alla precisione anche piccole quantità in un tempo brevissimo, funzionano a batterie (generalmente ministilo o pastiglia a seconda dello spessore della bilancia stessa), possono visualizzare diverse unità di misura e calcolare automaticamente la tara;
  • meccanica: sono più belle esteticamente anche se più ingombranti, sono meno precise e accurate, il peso è indicato dalla lancetta, non hanno bisogno di pile, per calcolare la tara devi adattare manualmente la bilancia. Le bilance meccaniche sono in genere caratterizzate da minore accuratezza e dalla scarsa di sensitività, cioè hanno difficoltà ad adeguarsi rapidamente e con precisione all’aggiunta di piccoli pesi un pò alla volta.

A cosa prestare attenzione

Ma come scegliere la bilancia giusta? Ecco alcuni accorgimenti:

  • comandi/pulsanti: controlla che siano ben posizionati ed accessibili, non devono essere troppo duri da schiacciare e nemmeno troppo sensibili al tatto. I numeri devono essere facili da leggere, sia come dimensioni che per colore e contrasti;
  • display: dev’essere abbastanza largo e ben posizionato sul fronte della bilancia in modo da non essere coperto dalla ciotola e retroilluminato per facilitare la lettura. Dovrebbe indicare anche quando la batteria sta per scaricarsi;
  • base: la base dev’essere spaziosa e stabile per garantire un buon appoggio alla ciotola con cui si pesa. Facile da pulire, senza intercapedini e resistente ai graffi;
  • ciotola: disponibile in alcune bilance digitali e in tutte quelle analogiche, occupa spazio, ma è più stabile. Sceglila che contenga almeno 3 kg, meglio se 5 kg. Deve essere rimovibile per una migliore pulizia;
  • batterie: verifica che non siano necessarie batterie speciali e non più di 2, oltre che si possano inserire facilmente. Controlla che sia dotata di auto spegnimento: permetterà di risparmiare in termini di batteria e durata;
  • stabilità: verifica la presenza dei piedini antiscivolo;
  • maneggevolezza: dev’essere leggera, facile da impugnare e compatta, deve poter essere riposta facilmente. Alcune sono dotate di agganci per appenderle al muro.

I prezzi

In media le bilance digitali hanno un prezzo più elevato rispetto a quelle analogiche. In media per una bilancia di tipo digitale si possono spendere 21 euro, mentre per le meccaniche 18 euro. In particolare la variabilità dei prezzi del segmento digitale è più ampia rispetto a quella analogica così come più ampia è la gamma delle digitali sul mercato rispetto a quelle meccaniche.
Il range dei prezzi per le digitali può variare tra un massimo di 46 euro a un minimo di 8 euro, mentre  i prezzi delle analogiche variano in un intervallo di prezzi più contenuto  tra 34 e 7 euro.
Il prezzo alto delle bilance digitale è riconducibile spesso al design, al brand e anche alle funzioni.
Nel caso in cui la scelta vada verso la bilancia digitale (più precisa), si dovrà considerare anche il costo periodico del cambio delle batterie.