News

Aranciata S Pellegrino di esagerato ha solo le promesse

08 aprile 2009

08 aprile 2009

"Abbiamo aggiunto il 30% di succo alla nostra aranciata". Così recita a caratteri cubitali la nuova campagna stampa dell'aranciata S. Pellegrino.

Peccato che a ben guardare questo 30% sia in realtà soltanto un misero 3,6% in più rispetto a un già risicato 12%.

In totale, quindi, questa bevanda contiene solo poco più del 15% di succo perché è fatta principalmente di acqua, zucchero e bollicine al pari di moltissime altre aranciate frizzanti.

Per capirlo però bisogna leggere attentamente tutta la pubblicità: in basso, a caratteri molto più piccoli, si specifica infatti che questa percentuale è da considerarsi in più rispetto al limite minimo di legge, cioè il 12%. Ma chi non legge fino in fondo tutta la reclame, o chi non coglie al volo il gioco matematico, si fissa in testa un mirabolante, quanto fantomatico 30%.

"Sulla qualità non si discute, si esagera" ci fa sapere l'azienda. Noi qui di esagerato troviamo solo la sfrontatezza. Per questo stiamo facendo partire una denuncia per pubblicità ingannevole al Garante. Perché tra 30 e 15, c'è una grande differenza. Se la matematica non è un'opinione.


Stampa Invia