News

Iva al 22%: cosa aumenta e di quanto

01 ottobre 2013

01 ottobre 2013

Scatta l'aumento Iva, che passa al 22%. Ma cosa significa? Quali prodotti aumentano davvero? E quanto pagheremo di più? Facciamo chiarezza. Diventa quanto mai importante confrontare e scegliere per risparmiare.

Sembrava quasi certo che dopo l’eliminazione della rata di giugno dell’Imu anche l’Iva non venisse innalzata, invece non è arrivato l’accordo sperato e la copertura finanziaria necessaria, quindi dal 1° ottobre pagheremo l’Iva al 22% sui beni attualmente colpiti dall’aliquota del 21% (già incrementata a settembre 2011). 

Non ci sono notizie positive, ma almeno possiamo dire che le aliquote ridotte (al 4% e al 10%) al momento non vengono toccate al rialzo, come invece era stato paventato qualche tempo fa. Questo significa che tutti i prodotti che non hanno la cosiddetta Iva agevolata, costano un po’ di più: in pratica un euro in più ogni 121 euro di spesa. 

Per maggiore chiarezza, nella tabella che segue abbiamo raggruppato alcune categorie di prodotti e servizi per i quali sono previsti aumenti d’imposta e altri che invece rimarranno invariati.

    
Cosa aumenta e cosa no
Aumento Iva Iva invariata
Vestiti Metano per riscaldamento
Auto (acquisto e riparazioni) Corrente elettrica
Telefonini Servizi finanziari e bancari
Servizi per telefonia mobile Ristoranti e tavole calde
Computer e tablet Taxi
Parrucchiere Visite mediche
Parcelle avvocato/commercialista Cinema e spettacoli
Cd/dvd Libri
Abbonamento pay tv Giornali
Elettrodomestici Medicinali
Carburante Autobus e tram
Bevande gassate, vino, superalcolici, caffè Birra, acqua minerale, carni, verdure, ortaggi, latte, frutta, cereali, pasta

Un po' di conti

Alcuni esempi di aumento. Se un caffè al bar costerà sempre uguale (quindi se qualcuno approfitta per aumentarlo non è certo colpa dell'Iva), una confezione di caffè al supermercato, invece, potebbe costare circa di 2 centesimi di euro in più. Stesso impatto anche per una bottiglia di Coca Cola (sempre del supermercato), mentre su una bottiglia di vino da 3 euro il rincaro non supera i 3 centesimi. Bisogna pensare a un prodotto costoso come l’iPhone 5 (a prezzo pieno) per raggiungere a fatica i 5 euro, mentre per una lavatrice da 1.200 giri l'aumento si aggira sui circa 3,50 euro. Aumenti di altra entità o arrotondamenti eccessivi sono decisamente ingiustificati. Se li vedete sugli scaffali, meglio cambiare negozio.   

Cosa non aumenta

Ma quali sono i prodotti sui quali è cambiata l’Iva? Vale la pena ricordare che tutti i prodotti alimentari (verdure, ortaggi, legumi, latte latticini e derivati, carni) non sono soggetti agli aumenti previsti nella manovra. Per sapere dove la spesa costa meno, comunque, puoi usare la nostra mappa interattiva dei supermercati. Anche i giornali, le prestazioni sanitarie, cinema e spettacoli in genere, i taxi e i libri hanno aliquote ferme al 4 e al 10% oppure sono esenti da Iva. Nessuna brutta sorpresa neanche in bolletta: energia elettrica e gas per riscaldamento rimarranno con l’aliquota agevolata al 10% e per sapere quale offerta di lucegas ti consente di risparmiare puoi usare i nostri servizi online.


 


Stampa Invia