News

Succhi fatti in casa: centrifuga o estrattore?

18 giugno 2015
centrifuga

18 giugno 2015

È scoppiata la moda dei succhi e delle centrifughe: sembra non si possa vivere d'altro. Ma qual è la soluzione fai da te migliore? Abbiamo testato estrattori e centrifughe per aiutarti a scegliere.

In vista dell'estate è cominciato il tormentone dei succhi e delle centrifughe artigianali: sani, rinfrescanti e salutari. Bar e locali non sembrano proporre altro. Non mancano all'appello le diete detox: per eliminare le tossine dal corpo qualche i succhi sostituiscono i pasti. In tanti, soprattutto per risparmiare, ripiegano su soluzioni casalinghe: 500ml di succo fatto in casa (composto 570g di finocchi, 260g di mela, 180g di carote e 15g di peperoncino) costa circa 1.50 euro, ma acquistato su siti specializzati per la detox il prezzo sale a 10 euro.

Ma cosa scegliere tra gli elettrodomestici di ultima generazione? I produttori affermano che solo gli estrattori più moderni siano in grado di mantenere integre tutte le proprietà della frutta e della verdura, producendo succhi "vivi", cioè ricchi di enzimi, vitamine e antiossidanti. Ma è vero? Per scoprirlo abbiamo messo alla prova estrattori e centrifughe nei nostri laboratori.


Scopri qual è il migliore


Estrattori a bassi giri o centrifughe?

Gli estrattori a bassi giri battono le centrifughe dal punto di vista della resa, ovvero a parità di quantità di frutta e verdura spremono più succo rispetto le centrifughe. Sebbene siano più silenziosi, sono in genere più difficili da pulire e mediamente impiegano più tempo, oltre a poter essere più costosi.

I nutrienti dei succhi: vitamine, magnesio e fibre

Dal punto di vista nutritivo i succhi fatti con gli estrattori o con le centrifughe non hanno differenze sostanziali. Nonostante la lavorazione a bassi giri degli estrattori è impossibile, come invece dichiarano alcuni, che vengano conservati il 100% dei nutrienti essenziali. Una sana alimentazione prevede il consumo quotidiano di almeno cinque porzioni di frutta e verdura: consumarla sotto forma di succhi o estratti oppure gli stessi prodotti interi è la stessa cosa, soprattutto per la parte di fibre rimossa da estrattori e centrifughe, ma è meglio mangiare ortaggi e frutta freschi.