News

Formaggi e latte in polvere un po di chiarezza

02 luglio 2010

02 luglio 2010

Non fanno male. Ma non sono lo stesso prodotto rispetto ai formaggi preparati con latte “vero”. Il caso delle mozzarelle blu scoppiato in questi ultimi giorni ha fatto nascere un grande allarmismo intorno agli ingredienti per la preparazione del formaggio, latte in polvere in testa.

Formaggi con latte in polvere non ammessi in Italia
Ammessa negli altri Paesi europei, la produzione di formaggi con latte in polvere in Italia non è consentita dal 1974. In Europa, il latte in polvere viene utilizzato in quantità limitata nella produzione di formaggi, dopo esser stato disciolto in acqua e aggiunto al latte “normale”. Per la libera circolazione delle merci i formaggi prodotti con questa metodologia possono comunque essere commercializzati in Italia.
Sebbene questi tipi di non siano, come capita di sentir dire, dannosi per la salute (né dal punto di vista nutrizionale che igienico, altrimenti sarebbe vietato anche nel resto d’Europa), la difficoltà è riuscire a identificarli sugli scaffali e nei banchi frigo di botteghe e supermercati. L’Unione europea non impone, infatti, di apporre sulla confezione, fra gli ingredienti, la dicitura latte in polvere, bensì troviamo la generica indicazione “latte”.
Si tratta, invece, di un prodotto qualitativamente diverso rispetto a uno fatto interamente a partire da latte, e in un certo senso di un inganno al consumatore che non si aspetta quell’ingrediente: proprio per questo l’Italia - che ha una grande tradizione di formaggi - vieta l’impiego di latte in polvere. Solo nei formaggi fusi (sottilette e formaggini, per esempio) è consentita l’utilizzazione anche in Italia del latte in polvere.

Da dove arriva il formaggio?
Come fare, dunque, a sapere da dove arriva il formaggio? Per i formaggi (fatta eccezione dei Dop) non vi è l’obbligo di indicare il Paese d’origine. L’informazione si può tuttavia ricavare dal “marchio di identificazione”, ossia il bollino ovale che riporta all’interno la sigla del Paese dove si trova lo stabilimento di produzione e il codice di identificazione dello stabilimento stesso.


Stampa Invia