News

Gelati in Italia i prezzi variano da citta a citta

23 giugno 2011

23 giugno 2011

Quasi 2 miliardi di euro per coni e coppette. È questa la cifra record spesa nel 2010 in Italia dagli appassionati consumatori di gelato. Ma c'è cono e cono: le differenze si notano, soprattutto nel prezzo.

Quasi 2 miliardi di euro per coni e coppette. È questa la cifra record spesa nel 2010 in Italia dagli appassionati consumatori di gelato. Ma c'è cono e cono: le differenze si notano, soprattutto nel prezzo.

È Milano la città più cara dove concedersi un gelato
Abbiamo fatto una rilevazione su 7 capoluoghi di provincia (Milano, Roma, Napoli, Bari, Genova, Rimini e Palermo) e 5 località di mare (Lido di Ostia, Sorrento, Santa Margherita, Mola e Mondello), analizzando i prezzi di coni e coppette (piccoli e medi) e il prezzo al chilo. I prezzi variano molto per città, tanto da notare una differenza vicina al 40% tra prezzo minimo e prezzo massimo. Milano è la città più cara dove concedersi un cono: qui i prezzi oscillano tra 1,70 e i 2,50 euro per un cono piccolo e tra i 2,20 e i 3 euro del cono medio. Per acquistare un chilo di gelato, invece, si possono spendere dai 14 ai 24 euro.

A Palermo conviene il cono, a Sorrento meglio la vaschetta
La città con i prezzi più bassi è Palermo, dove i prezzi variano tra 1 e 1,80 euro per un cono piccolo e i 1,50 e 2 euro per il cono medio. Anche comprare una vaschetta di gelato è decisamente conveniente rispetto al resto d'Italia: il prezzo oscilla tra i 9 e i 15 euro al chilo. Un'altra particolarità si rileva a Sorrento: qui il prezzo di cono e coppette è decisamente alto, mentre i prezzi del gelato al chilo sono più bassi. Il caso di Sorrento conferma la tendenza al caro prezzi registrato nelle località con maggior afflusso turistico.

Il cioccolato e la nocciola in cima alle preferenze degli italiani
Cioccolato, nocciola, limone, fragola, crema e stracciatella: nel 2010 sono stati questi i gusti più gettonati dagli italiani, ma si registra la presenza di oltre 600 gusti disponibili. Tra gelati artigianali e industriali, le famiglie italiane spendono in un anno 1,9 miliardi di euro, per un totale di 82 euro a famiglia. Al Nord si spende mediamente di più, qui la spesa dei gelati incide per il 52,9% per un totale di 94 euro a famiglia. Quella del Mezzogiorno rappresenta il 24% della spesa nazionale e quella del Centro Italia, invece, il 17 per cento.

Illustration1


Illustration2


Illustration3

Quasi 2 miliardi di euro per coni e coppette. È questa la cifra record spesa nel 2010 in Italia dagli appassionati consumatori di gelato. Ma c'è cono e cono: le differenze si notano, soprattutto nel prezzo.

È Milano la città più cara dove concedersi un gelato
Abbiamo fatto una rilevazione su 7 capoluoghi di provincia (Milano, Roma, Napoli, Bari, Genova, Rimini e Palermo) e 5 località di mare (Lido di Ostia, Sorrento, Santa Margherita, Mola e Mondello), analizzando i prezzi di coni e coppette (piccoli e medi) e il prezzo al chilo. I prezzi variano molto per città, tanto da notare una differenza vicina al 40% tra prezzo minimo e prezzo massimo. Milano è la città più cara dove concedersi un cono: qui i prezzi oscillano tra 1,70 e i 2,50 euro per un cono piccolo e tra i 2,20 e i 3 euro del cono medio. Per acquistare un chilo di gelato, invece, si possono spendere dai 14 ai 24 euro.

A Palermo conviene il cono, a Sorrento meglio la vaschetta
La città con i prezzi più bassi è Palermo, dove i prezzi variano tra 1 e 1,80 euro per un cono piccolo e i 1,50 e 2 euro per il cono medio. Anche comprare una vaschetta di gelato è decisamente conveniente rispetto al resto d'Italia: il prezzo oscilla tra i 9 e i 15 euro al chilo. Un'altra particolarità si rileva a Sorrento: qui il prezzo di cono e coppette è decisamente alto, mentre i prezzi del gelato al chilo sono più bassi. Il caso di Sorrento conferma la tendenza al caro prezzi registrato nelle località con maggior afflusso turistico.

Il cioccolato e la nocciola in cima alle preferenze degli italiani
Cioccolato, nocciola, limone, fragola, crema e stracciatella: nel 2010 sono stati questi i gusti più gettonati dagli italiani, ma si registra la presenza di oltre 600 gusti disponibili. Tra gelati artigianali e industriali, le famiglie italiane spendono in un anno 1,9 miliardi di euro, per un totale di 82 euro a famiglia. Al Nord si spende mediamente di più, qui la spesa dei gelati incide per il 52,9% per un totale di 94 euro a famiglia. Quella del Mezzogiorno rappresenta il 24% della spesa nazionale e quella del Centro Italia, invece, il 17 per cento.






Stampa Invia