News

Meno sale, più salute

15 marzo 2013

15 marzo 2013

Sono i giorni della campagna mondiale per la riduzione del sale. Consumare meno sale è importante: aiuta a prevenire ictus e malattie cardiache. Spesso, però, non ci rendiamo conto di quanto ne assumiamo con il cibo. Il nostro calcolatore può aiutarti a scoprirlo.

In Italia consumiamo troppo sale: mediamente 10-11 grammi al giorno. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha recentemente abbassato da 6 a 5 grammi la quantità di sale raccomandata quotidianamente. Consumare, infatti, 5 grammi in meno di sale al giorno (pari a circa un cucchiaino da caffè) significa ridurre del 23% il pericolo di avere un ictus e del 17% il pericolo di avere una malattia al cuore. Non è facile, però, capire quanto sale si consuma. Per facilitarti abbiamo creato un calcolatore che trasforma in grammi di sale effettivamente consumati la quantità di sodio (riportata sulle etichette nutrizionali). È quest’ultimo, infatti, il responsabile degli effetti negativi del sale sulla salute.

Dove si nasconde il sale?
Secondo quanto riportato dall’Inran (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione), il 10% del sale consumato è naturalmente presente negli alimenti e nelle bevande, il 36% viene aggiunto durante le preparazioni casalinghe dei pasti, mentre ben il 54% si trova nei prodotti trasformati (cioè lavorati artigianalmente e industrialmente) e nei piatti preparati dai ristoranti. Assumiamo sale soprattutto mangiando pane e prodotti da forno. Infatti, anche se in percentuale il sale è presente in questi alimenti in quantità minori rispetto a salumi e formaggi, la quantità di pane e prodotti da forno consumati settimanalmente sono maggiori.

Alcuni consigli per ridurre il consumo di sale
Come fare quindi per ridurre il consumo quotidiano di sale? Ecco alcuni consigli.

  • Riduci progressivamente l’uso di sale sia a tavola che in cucina. Preferisci il sale iodato.
  • Limita l’uso di altri condimenti che contengono sodio come dadi da brodo, salse, maionese.
  • Riduci il consumo di alimenti trasformati ricchi di sale (snack salati, patatine in sacchetto, alcuni salumi e formaggi, cibi in scatola).
  • Preferisci linee di prodotti a basso contenuto di sale.
  • Leggi con attenzione le etichette dei prodotti.
  • Per insaporire ed esaltare il sapore dei cibi, preferisci spezie, erbe aromatiche, succo di limone o aceto.
  • Evita di aggiungere sale nei cibi dei bambini, almeno nel primo anno di vita.

Stampa Invia