News

Nettari alla pera

01 agosto 2010

01 agosto 2010

Il nostro test sui nettari di pera (alcuni destinati alla prima infanzia) e su bevande a base di succo di pera. Piacciono ai bambini, che non sembrano fare preferenze fra marche. Ma abbiamo trovato tanti pesticidi. Problema che non riguarda però i prodotti per la prima infanzia.

Prodotti per grandi e piccini
Abbiamo analizzato 6 nettari di pera per la prima infanzia, 9 nettari in brick e 3 bevande a base di succo di pera, sempre in brick, prodotti che hanno caratteristiche diverse di cui però i consumatori non sono sempre consapevoli.

L'elemento più evidente è la presenza di residui di pesticidi in tutti i nettari e bevande destinati al largo pubblico, mentre questo problema non si riscontra nei nettari per la prima infanzia e nel prodotto bio. Specifichiamo però che la quantità trovata è sempre sotto i limiti indicati dalla legge. Tuttavia, abbiamo deciso di penalizzare i prodotti che contengono un mix di diversi pesticidi, perché poco si sa sull'effetto che può fare un cocktail di diverse sostanze, sebbene tutte al di sotto dei limiti, soprattutto sul metabolismo in crescita dei bambini. In alcuni casi, i pesticidi erano addirittura cinque o sei.

Meglio quelli per bebè
In generale, i prodotti destinati alla prima infanzia sono di migliore qualità rispetto agli altri nettari. Questo non dipende solo dalla buona volontà dei produttori, ma dal fatto che questi succhi devono sottostare a una legislazione specifica che prevede:

  • l'assenza di pesticidi;
  • un tenore in zuccheri limitato (non superiore a 15 g per 100 ml);
  • l'assenza di additivi e aromi (solo vitamina C e succo di limone);
  • il 50% di frutta minimo.

I nettari "per grandi", invece, pur contenendo la stessa percentuale di frutta, possono contenere più zucchero (massimo il 20%) e alcuni additivi.

Una scelta sicura da questo punto di vista è quella di orientarsi verso i prodotti biologici.

Diverse le bevande
Per finire abbiamo analizzato anche tre bevande alla pera.

Qui la legislazione lascia carta bianca, sia sulla percentuale di frutta che si può utilizzare sia sulla presenza di additivi. I produttori, quindi, non hanno restrizioni particolari.

È un po' un far west: ci sono prodotti con una buona percentuale di frutta, come prodotti meno validi. Due delle tre bevande del nostro test, per esempio, contengono aromi e addensanti.

Poiché le bevande vengono confuse con i nettari (sono confezionate nello stesso modo, si trovano sugli stessi scaffali...), l'arma per poter effettuare una scelta appropriata è più che mai il controllo della lista degli ingredienti.

Le marche del test
  1. Alce Nero
  2. Auchan
  3. Carrefour Baby
  4. Esselunga
  5. Esselunga bio
  6. Euro che ride (Coop)
  7. Il Gigante
  8. Mellin
  9. Nipiol
  10. Pera (Lidl)
  11. Plasmon
  12. Santal
  13. Sol Frutta (Penny Market)
  14. Valfrutta
  15. Vivig
  16. Voilà
  17. Yoga

Stampa Invia