News

Smoothies frullati in bottiglia

01 febbraio 2010
smoothies

01 febbraio 2010

La frutta è l'unico ingrediente di questi prodotti, ma il processo industriale li impoverisce di vitamine e fibre. Lo dice il nostro test.

Bevande alla frutta
Piacciono ai frequentatori delle palestre. Ma anche alle mamme sempre in cerca di qualche escamotage per "vitaminizzare" i propri figli senza fatica e offrire loro cibi salutari. Ad attirarci verso questi beveroni è la promessa di coprire comodamente la porzione giornaliera di frutta raccomandata dai nutrizionisti. Ma anche il fatto che sono prodotti sani, semplici e senza zuccheri aggiunti, oltre a quelli naturalmente presenti nella frutta.

La nostra decina
Abbiamo acquistato al supermercato dieci smoothies di sapori e marche diverse, presenti sia nei banchi frigorifero (cioè "freschi") sia sugli scaffali accanto ai classici succhi di frutta (cioè a temperatura ambiente). Il nostro test è stato incentrato su tre paramentri: l'analisi nutrizionale, la degustazione, effettuata da un gruppo di consumatori e la verifica delle indicazioni presenti in etichetta.

Sul piano nutrizionale possiamo dire che gli smoothies sono sicuramente meglio di molti altri prodotti della grande industria, sicuramente preferibili alle bevande gassate, zuccherate e piene di coloranti o se utilizzati per colmare il languorino di metà pomeriggio al posto della classica merendina, ricca di grassi e zuccheri. Ma non è tutto oro quel che luccica.

Marche del test
  1. Chiquita
  2. Coop
  3. Dimmi di sì
  4. Eppy
  5. Fattorie Scaldatole
  6. Macè
  7. My Smoothie
  8. Sanattiva
  9. Solfarm
  10. Valfrutta

Stampa Invia