Speciali

Conosciamo la rinite allergica

01 aprile 2013
rinite allergica

01 aprile 2013

Gli occhi lacrimano, il naso prude e tu starnutisci di continuo? Potrebbe trattarsi di rinite allergica. Ti aiutiamo a capire se soffri di questo disturbo e quali sono le cure possibili.

Che cos'è?

 

La rinite allergica è un disturbo caratterizzato da rinorrea, starnuti, congestione e prurito nasale, oltre a sintomi oculari. Attualmente è classificata in intermittente o persistente, indipendentemente dall’allergene che la causa (polline, acaro o altro). Rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo di asma bronchiale: per questo dev’essere diagnosticata e gestita dall’allergologo, un medico specializzato nel campo.

 

Quali sono i sintomi?

Solitamente il naso gocciola, dà prurito e gli starnuti sono molto frequenti, soprattutto durante il mattino. Il naso si può anche ostruire e gli occhi lacrimano. Oltre all’esame dei sintomi, per formulare una diagnosi più certa il medico può sottoporvi ad alcuni esami. Tra questi ultimi, il più comune è il Prick test: è il più sensibile e il meno costoso. Attraverso un ago viene messa a contatto dell’epidermide una goccia di estratto allergenico e viene verificata la reazione cutanea.

Per la severità dei sintomi la rinite viene classificata come lieve, quando i sintomi non interferiscono con le attività quotidiane, o moderata-severa, quando i sintomi incidono pesantemente sullo svolgimento delle normali attività.

 

Come curare il disturbo

Gli antistaminici di seconda generazione orali rappresentano il trattamento di prima scelta nella rinite intermittente con sintomi da lievi a moderati-severi o in quella persistente con sintomi lievi. Tra gli antistaminici in commercio, i farmaci di prima scelta (per il loro rapporto beneficio/rischio favorevole) sono quelli in commercio da più tempo, come la cetirizina e la loratadina, disponibili anche come farmaci generici. Necessitano di prescrizione medica. Nella rinite persistente con sintomi moderati-severi vengono invece utilizzati i corticosteroidi intranasali, che devono sempre essere prescritti da un medico.

 


Stampa Invia