Speciali

Latte: tipologie, valori nutrizionali ed etichetta

23 aprile 2018
latte

23 aprile 2018

Proteine e calcio in quantità: il latte è uno degli alimenti più importanti per l’organismo (e spesso anche il più discusso). E la scelta è ampia: ecco tutto quello che devi sapere per scegliere quello giusto.

I diversi tipi di latte 

A far la differenza tra le diverse tipologie è il contenuto in grassi e il trattamento termico che, a sua volta, incide sulla durata e sulle modalità di conservazione (in frigorifero o a temperatura ambiente). Vediamo le differenze tra i prodotti.

  • Crudo: è il latte “al naturale”, che non subisce alcun tipo di trattamento e, per questo, essere consumato in tempi brevissimi. Generalmente è venduto nelle fattorie o nei distributori di latte alla spina. Bisogna sempre bollirlo prima del consumo così come indicato in etichetta o sui cartelli esposti sui distributori.
  • Fresco pastorizzato: è il latte classico, sottoposto a trattamento termico breve (circa 15 secondi a 72°). Preserva al meglio gusto e qualità nutrizionali del latte d’origine, ma deperisce in fretta: si conserva in frigo per al massimo sei giorni.
  • Fresco pastorizzato Alta Qualità: subisce un trattamento termico più delicato rispetto a quello classico; per questo il latte di partenza deve avere dei requisiti igienico sanitari e di composizione, precisi.
  • Microfiltrato: oltre che alla pastorizzazione è sottoposto a microfiltrazione che elimina la maggior parte dei microbi. Mantiene il gusto del latte fresco, ma dura di più in frigo (10-15 giorni).
  • Pastorizzato a temperatura elevata: il trattamento termico che subisce è a metà strada tra quello fresco e UHT. Si mantiene in frigorifero molto di più, circa 25 giorni.
  • UHT (Ultra High Temperature): è il latte a lunga conservazione trattato a temperatura altissima (135°-140°C) per 2-5 secondi, per eliminare ogni forma batterica. Dura da 3 a 5 mesi a temperatura ambiente ed è quindi molto comodo per chi non fa la spesa tutti i giorni. Se vuoi vedere qual è il migliore, abbiamo fatto un test su 30 confezioni di latte a lunga conservazione.
  • Sterile: subisce un trattamento termico finale di sterilizzazione in contenitore sigillato. Dura minimo sei mesi a temperatura ambiente.

Dal punto di vista del grasso, invece, abbiamo tre tipologie:

  • Latte intero: il contenuto di grasso non può essere inferiore a 3,5%.
  • Parzialmente scremato: il contenuto di grasso è compreso tra 1,5 e 1,8%.
  • Scremato: la quantità di grasso non può superare lo 0,5%.

I valori nutrizionali del latte 

Tra gli esperti del settore, l'importanza nutrizionale del latte è molto dibattuta: c'è chi afferma che è bene berlo tutti i giorni e chi, al contrario, arriva addirittura a sconsigliarne l'assunzione.

All'interno di una dieta equilibrata

L'importanza nutrizionale del latte è data principalmente dalle proteine ad alto valore biologico e dall'elevata quantità di calcio (120 mg in 100 ml). Ci sono anche altri sali minerali come fosforo e zinco e, in minor quantità, vitamine A, B2, B12 e D. Secondo le indicazioni di guide nazionali, il latte e i suoi derivati possono essere tranquillamente inseriti in una dieta varia ed equilibrata che comprende tutti gli alimenti nella giusta quantità e proporzione. Le linee guida italiane per l'alimentazione parlano di 2-3 porzioni al giorno di latticini, che equivalgono più o meno a: un bicchiere da 125 ml di latte, un vasetto da 125 mg di yogurt, 50 g di formaggi stagionati e 100 per quelli freschi. Il consiglio è di consumare ogni giorno almeno un prodotto appartenente al gruppo latte o yogurt e solo 4 volte a settimana un prodotto del gruppo dei formaggi, a tua scelta.

Non per tutti

Chi è allergico al latte deve astenersi dal consumare qualsiasi prodotto appartenente alla famiglia dei latticini. Diverso è il caso di chi è intollerante al lattosio (non possiede cioè l'enzima in grado di digerirlo). Esistono infatti in commercio prodotti senza lattosio che spesso sono indicati con le sigle HD o AD, ad alta digeribilità. Il latte poi, contiene anche grassi saturi che hanno un'influenza negativa sul colesterolo: se hai problemi di questo tipo, ti consigliamo di scegliere quello parzialmente scremato o scremato.

Il latte fa male?

Ottimo per i bambini, ma nemico per gli adulti: favorirebbe l'osteoporosi, provoca disturbi gastrici e intestinali, aumenterebbe il rischio di tumori. Lo sostengono in tanti, ma in realtà mancano ancora dati sicuri.