Speciali

Pandoro come scegliere il prodotto giusto

02 dicembre 2013
Pandoro

02 dicembre 2013

Quale pandoro mettere in tavola? Meglio un prodotto artigianale o uno commerciale? La scelta può non essere facile. Abbiamo pensato a una breve guida alla scelta per aiutarti. Ecco qualche consiglio.

Che si tratti di pandoro o panettone, la domanda è sempre la stessa: quale comprare? Vale la pena spendere più soldi per mettere in tavola un pandoro artigianale o sto solo buttando via soldi? E tra i prodotti sfornati dall’industria dolciaria esistono davvero differenze sostanziali? Ecco alcuni suggerimenti:

  • controlla che sulla confezione ci sia scritto “pandoro” e non “dolce natalizio” né “dolce di Natale”: spesso le scatole delle imitazioni mostrano comunque le immagini di un dolce dalla forma simile e vengono disposte nei punti vendita vicino a quelli veri. Questi fac-simile non contengono gli ingredienti obbligatori per legge nel pandoro: al posto del burro, per esempio, possono esserci grassi di minor pregio; al posto delle uova o dei tuorli freschi, prodotti in polvere;
  • quando tagli la prima fetta, respira: il profumo di uova, burro, vaniglia dovrebbe avvolgerti. Questo aroma deve contraddistinguere non solo i prodotti artigianali, ma anche quelli commerciali;
  • la forma tipica è quella di una stella ottagonale. Se le coste cedono, la lievitazione non è stata ottimale. Se sembra “collassato” e si ritrae verso il centro significa che il lievito era troppo forte o che è stato girato troppo presto, quando era ancora caldo;
  • il colore della pasta deve essere giallo uniforme: se è troppo chiara potrebbero essere state usate uova intere. Fuori deve essere asciutto: non ci devono essere tracce di unto. Se il pandoro è artigianale, anche lo zucchero a velo dovrebbe essere fatto dal pasticcere;
  • la base del pandoro è la parte del dolce posta in alto durante la cottura: se è troppo scura o bruciata, significa che la temperatura era eccessiva. Il pandoro è lucido? Nessun problema: con ogni probabilità è stato cotto nei moderni stampi al silicone;
  • attenzione al peso: benché il formato classico sia di tradizionalmente 1kg si possono trovare in commercio anche prodotti di peso inferiore. Verificate, quindi, il peso dei pandori quando confrontate i prezzi: un prezzo più basso potrebbe corrispondere anche ad una quantità inferiore di prodotto;
  • l’alveolatura deve essere piccola e uniforme. La presenza di alveoli più grossi indica generalmente una lievitazione spinta al fine di aumentare il volume del dolce. Un’alveolatura più grande determina anche una perdita più rapida di umidità e a risentirne è la sofficità del dolce.