News

Macchina del pane Silvercrest, poche novità rispetto al modello precedente

08 aprile 2016
ldl

08 aprile 2016

È in vendita nei supermercati Lidl a un prezzo di 49,99 euro. Al di là di un cambio di look, però, la nuova macchina per il pane Silvercrest sembra presentare pochi cambiamenti rispetto al modello precedente. In attesa dei risultati completi dal test in laboratorio, ecco quali sono le principali novità.

Nell'ultimo test sulle macchine per il pane avevamo messo alla prova il modello precedente e, adesso, abbiamo dato un'occhiata alla nuova. L'evoluzione della macchina per il pane Silvercrest è in vendita nei punti vendita Lidl a un prezzo di 49,99 euro. Sembra piuttosto simile alla macchina della precedente generazione, anche se ha cambiato leggermente il look. Vediamo quali sono le principali novità.

Le due lame non incidono sui risultati

Come la versione precedente, anche la nuova Silvercrest è una macchina a due lame impastatrici, per questo motivo si sviluppa maggiormente in verticale. Forse potrebbe risultare più adatta per chi impasta il pane con farine senza glutine (e, quindi, ha bisogno di una forza maggiore), ma la presenza di due lame non ha di fatto alcun vantaggio dal punto di vista dei risultati. Anzi, per alcuni versi rende l'estrazione del pane e la pulizia della macchina più difficile. Questi due aspetti erano critici già nella versione precedente.

Poche novità rispetto alla versione precedente

Rispetto al vecchio modello, non cambiano i 12 programmi a disposizione. Troviamo quello per preparare la marmellata, per gli impasti lievitati (pizza e focaccia) e per gli impasti non lievitati come la pasta fresca o la frolla. Dallo schermo, molto intuitivo, è possibile selezionare tre diverse dimensioni di pane (750, 1.000 e 1.250 grammi) e tre diversi gradi di doratura della crosta: chiara, media e scura. Migliorano i piedini antiscivolo che, nonostante non avessimo riscontrato problematiche nel modello precedente, potrebbero influire positivamente sulla rumorosità dell'apparecchio. Un vantaggio importante per chi, per esempio, avvia la macchina la notte per avere il pane fresco al mattino.

L'abbiamo portata in laboratorio

La versione precedente non aveva portato a casa risultati particolarmente brillanti nella prova di degustazione. Come dimostra il nostro test, il pane bianco con il programma rapido ha ottenuto una valutazione negativa. Tra gli aspetti da migliorare, c'erano anche i tempi sul programma del pane bianco (oltre tre ore) e i consumi elevati con il programma per il pane integrale. Per verificare se ci sono stati dei miglioramenti con la sua evoluzione, abbiamo portato la nuova Silvercrest in laboratorio. I risultati completi saranno disponibili a breve.


Stampa Invia