News

Integratori alimentari: l’Antitrust sanziona Immun'Age

21 ottobre 2014
integratori

21 ottobre 2014

Nella pubblicità viene ripetuto più volte che Immun’Age è efficace contro alcune gravi patologie come Alzheimer e Parkinson. In realtà, trattandosi di un semplice integratore alimentare alla papaya, può vantare solo effetti antiossidanti. Per questo l’Antitrust ha condannato la Named spa, società che lo produce, ad una multa di 250.000 euro.

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha condannato la società Named spa, produttrice di Immun’Age, al pagamento di una multa di 250.000 euro.

Secondo l’Antitrust, in tutta l’attività promozionale di Immun’Age si fa riferimento ad alcune specifiche proprietà salutistiche che, in realtà, il prodotto non possiede. Sul sito internet, sulla pubblicità sia a mezzo stampa che televisiva, viene ripetuto più volte che l’integratore è efficace contro alcune gravi patologie (Alzheimer, Morbo di Parkinson e non solo), oltre che contro invecchiamento cellulare, influenza e raffreddori, vaccinazioni e stati di debilitazione.

Le motivazioni del provvedimento

Immun’age è, in realtà, un semplice integratore alimentare a base di papaya. Per questo tipo di prodotto è possibile soltanto vantare un’efficacia antiossidante. Tutti gli altri benefici salutistici riportati dall’azienda non hanno alcuna base scientifica. I messaggi pubblicitari, quindi, inducono il consumatore in errore portandolo a pensare che il prodotto abbia un’efficacia terapeutica, simile a quella di un farmaco.

Inoltre, le indicazioni salutistiche contenute nelle varie pubblicità non sono ammesse. Il regolamento CE n. 1924/2006, relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari, infatti, precisa che questi slogan devono essere veritieri, basati su criteri scientifici e non vantare la prevenzione e la cura delle malattie.

La papaya e i suoi effetti antiossidanti

L’Efsa (Agenzia Europea per la sicurezza alimentare), della cui collaborazione si avvale la Commissione Europea per l’autorizzazione delle indicazioni sulla salute riferite a prodotti alimentari, aveva già espresso parere negativo per quanto riguarda gli effetti antiossidanti della papaya. Per questo i messaggi come “contiene antiossidanti” e “contribuisce alla protezione contro l’ossidazione e contro i radicali liberi” riferiti a questa pianta non sono stati autorizzati.

Nonostante ciò, però, il ministero della Salute ha permesso per la papaya la possibilità di indicare questi effetti: “Favorisce le naturali difese dell'organismo”, “Antiossidante” e "Funzione digestiva". Questi sono gli unici benefici che si possono attribuire un integratore a base di papaya.


Stampa Invia