News

Latte con aflattosine: si facciano i nomi dei prodotti

21 giugno 2013
latte con afflatosine

21 giugno 2013

Arrestati i responsabili del consorzio Cospalat, che hanno messo in commercio latte invendibile, perché contaminato da pericolose tossine cancerogene. Chiediamo alle autorità di rendere pubblici i nomi di tutti i prodotti coinvolti in questa truffa.

Vendevano latte invendibile, perché contaminato da tossine cancerogene provenienti dal mais con cui erano alimentate le vacche. I Nas, dopo aver scoperto la truffa hanno arrestato alcuni responsabili del consorzio di allevatori friulano Cospalat. Una vicenda che, seppur nella sua eccezionalità, riporta all'attualità il problema delle aflatossine nel latte italiano.

Un contaminante dei foraggi

Queste tossine, catalogate come sicuramente cancerogene dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, si sviluppano nel mais attaccato da muffe con cui sono alimentate le vacche, che le metabolizzano e le espellono con il latte, contaminandolo. La stagione particolarmente siccitosa dello scorso anno ha favorito la formazione di funghi e muffe del mais. Secondo la legge, quando il mais viene pensantemente attaccato da questi microrganismi deve essere scartato e bruciato. Non può quindi, come invece è successo in questo caso, rientrare nella filiera alimentare ed essere dato alle vacche da latte o ad altro bestiame. Esistono leggi e controlli rigorosi sulla presenza di aflatossine nel latte, tali da garantirci, in generale, un alimento sicuro. Nell'ambito di questi controlli si è scoperta la truffa.

Ora chiediamo trasparenza

Chiediamo che le autorità rendano noti i nomi dei prodotti coinvolti in questa truffa. Lo chiediamo a tutela della salute dei consumatori e a nome della trasparenza che dovrebbe sempre contraddistinguere il lavoro dell'amministrazione pubblica.

 

 


Stampa Invia