News

Bimbi in auto: come metterli in sicurezza

19 luglio 2017
seggiolini auto

In auto i bambini devono essere sempre messi in sicurezza. Non bisogna cedere ai capricci, anzi i genitori devono essere i primi a dare il buon esempio allacciando sempre le cinture. Ecco cosa è bene sapere sui seggiolini auto e cosa è meglio non fare.

Sicurezza: gli adulti devono dare il buon esempio

Il bimbo non vuole farsi allacciare le cinture del seggiolino? Non cedere a pianti e capricci: se si abituano da subito quando cresceranno smetteranno di fare i capricci, la sicurezza deve diventare un’abitudine. Da una nostra inchiesta risulta che il 28% di chi non allaccia i bambini sul seggiolino, proprio a causa delle proteste dei piccoli.

Metti la cintura

I genitori per primi si devono sempre mettere le cinture di sicurezza, dare l’esempio è fondamentale, e le cinture sono obbligatorie su tutti i sedili sia davanti sia dietro. Vanno indossate sempre: da quando si accende il motore al momento in cui si deve scendere dall’auto (il 12% non lo fa sempre). Dai 4 anni circa potrebbero essere in grado di allacciarsi le cinture di sicurezza da soli, lasciali provare poi verifica che siano ben messe e tese.

Gli errori di mamma e papà

Da una nostra inchiesta sulla sicurezza stradale abbiamo scoperto quali sono i 10 errori più diffusi.

  1. Bimbi in braccio o nessun sistema di ritenuta. In un incidente a 50 km/h un bambino di 11 kg è come se ne pesasse 156 kg, non puoi trattenerlo. Inoltra, un terzo dei genitori qualche volta non lega il proprio figlio: anche a 15 km/h, un incidente può essere fatale.  
  2. Allacciati insieme o non legati bene. Se allacciati insieme il corpo dell’adulto schiaccia il più piccolo e la cintura di sicurezza diventa pericolosa. Cinture lasche, non allacciate o bambini solo appoggiati nella navicella, vanificano l’efficacia del seggiolino. Il 69% dei bambini è stato trasportato, almeno una volta negli ultimi tre mesi, senza seggiolino, in braccio o solo con la cintura.
  3. I seggiolini costano troppo. Il 79% dei genitori considera il prezzo un parametro fondamentale per la scelta, ma il costo della sicurezza è pochi centesimi al giorno, meno di 5 euro al mese.
  4. In città e in percorsi brevi non serve. Il 75% dei genitori non allaccia il proprio figlio perché pensa che il rischio sia molto basso in città. Il maggior numero di incidenti avviene sulle strade urbane. Il 40% degli incidenti mortali si verifica su tragitti inferiori ai 3 km.
  5. Sotto i 12 mesi già nel senso di marcia. Il 41% dei bambini sotto i 12 mesi viaggia con sedile rivolto nel senso di marcia, con grave rischio di lesioni anche fatali a livello del collo: la testa in questa fascia di età è ancora troppo pesante. 
  6. Il seggiolino serve solo per i piccoli. È fondamentale e obbligatorio usare il seggiolino fino ai 150 cm di altezza (circa 12 anni solo dopo le cinture dell’auto possano essere usate in sicurezza). 
  7. Seggiolini sbagliati. Seggiolino di gruppo non idoneo al peso, vecchio o del quale non si conosce la storia: il 14% dei genitori usa seggiolino di seconda mano. Il 6% dei genitori utilizza l’alzatina anche prima dei 22 kg. 
  8. Installazione sbagliata e uso improprio. Un seggiolino mal installato o utilizzato male riduce la protezione offerta o può trasformarsi in un ulteriore pericolo. In generale, più è stretto il legame seggiolino - veicolo, maggiore è la protezione offerta: il 19% dei genitori non sa se ha un seggiolino Isofix.
  9. Quando sta seduto bene non serve l'alzatina. Il 63% dei genitori con bimbi sopra i 18 kg (circa 4 anni) dopo il seggiolino di gruppo 1 passa all’alzatina. Sebbene sia consentito dai 22 kg, è meno sicuro. La posizione delle cinture non è corretta, la testa non è ben contenuta e quando si addormentano i bimbi scivolano al di sotto della cintura. 
  10. Airbag anteriore disattivato. Deve essere disattivato solo per i bimbi che viaggiano contro il senso di marcia, quando diventano più grandi l’airbag protegge anche loro: 76% dei genitori lo tiene disattivato e sbaglia!