News

Auto: il certificato di proprietà diventa digitale

15 ottobre 2015

15 ottobre 2015

Il certificato di proprietà dei veicoli a motore è diventato digitale: il documento sarà conservato in modalità virtuale presso l’archivio digitale dell’ACI, non potrà più essere perduto, rubato e contraffatto. Inoltre gli italiani risparmieranno complessivamente 4,5 milioni di euro.

Possiamo dire addio al vecchio foglio di carta da conservare tra i documenti importanti: dal 5 ottobre 2015 il certificato di proprietà degli autoveicoli è diventato digitale. Chi acquisterà un veicolo - nuovo o usato - non riceverà più il certificato di proprietà cartaceo ma solo una ricevuta dell’avvenuta registrazione che conterrà anche il codice di accesso personalizzato, una password, necessaria per potersi collegare in qualsiasi momento all’archivio dell’ACI, visualizzare il certificato e avere informazioni sicure e non falsificabili sulla proprietà.

Come avviene la lettura digitale del certificato di proprietà?

La visualizzazione del documento può avvenire secondo le seguenti modalità:

  • attraverso la lettura mediante smartphone (o altro dispositivo idoneo) del QR-code presente sulla ricevuta;
  • digitando il codice di accesso personalizzato dopo essersi collegati all’indirizzo web indicato nella ricevuta che è stata rilasciata in sede di acquisto dell’autoveicolo;
  • tramite la funzione “Consulta il Certificato di Proprietà Digitale” sul sito ACI.

Se, successivamente all’emissione del Certificato di proprietà digitale, sono state fatte modifiche sullo stato giuridico del veicolo (per esempio iscrizione di fermo amministrativo), al momento della consultazione web, il sistema segnalerà le variazioni.

Se perdo il codice di accesso?

Se la ricevuta con il codice d’accesso dovesse accidentalmente essere smarrita è possibile chiedere una ristampa gratuita rivolgendosi direttamente allo Sportello Telematico Automobilistico (STA) che l’ha rilasciata precedentemente. Gli STA sono presenti su tutto il territorio nazionale presso:

  • le unità territoriali dell'ACI (PRA);
  • gli uffici provinciali della Motorizzazione Civile (UMC);
  • le delegazioni degli Automobile Club;
  • le agenzie di pratiche auto abilitate al servizio.

Quali sono i vantaggi economici?

Il PRA ha calcolato che con la digitalizzazione gli italiani risparmieranno complessivamente 4,5 milioni di euro: non verranno più utilizzati 30 milioni di fogli di carta oltre che tonnellate di inchiostro. Saranno inoltre scongiurati i rischi di smarrimento, furto o deterioramento, il che genera altri risparmi effettivi: sono circa 300.000 infatti gli italiani che perdono il certificato di proprietà cartaceo ogni anno e che, fatta la denuncia, richiedono il duplicato con evidenti sprechi di tempo e di denaro.


Cerchi un'auto? Confronta i modelli

Vuoi risparmiare sulla tua assicurazione?

Con Altroconsumo e Genialloyd puoi avere il 7% di sconto sul valore del premio RC Auto o RC Moto, per te e i tuoi familiari, più un ulteriore sconto di 15 Euro. Scopri come


Stampa Invia