News

City car: il test

03 ottobre 2012

03 ottobre 2012

Le city car sono auto dalle dimensioni ridotte, agili e facili da parcheggiare anche nello spazio più piccolo. Ma c'è di più: hanno prezzi competitivi e consumi davvero contenuti.

Sensi unici, divieti, strade interrotte. La strada che tutti i giorni percorriamo pr andare al lavoro o per accompagnare i bambini a scuola è una giugla fata di trafico e smog. Se prendere i mezzi pubblici e usare la bici restano due valide alternative, per chi non può proprio fare a meno di muoversi in macchina la soluzione per alleviare (almeno un po') lo stress da traffico esiste e si chiama city car.

Risparmiare si può
Crisi e continui aumenti di carburante hanno messo a dura prova il mercato automobilistico che, negli anni, ha subìto un forte calo. Per questo, nel testare le city car, abbiamo fatto particolare attenzione a prezzi e consumi. Per misurare i consumi di queste piccole auto abbiamo fatto un giro su strade exstraurbane e autostrade. I risultati sono stati più che positivi.

Comfort e rumore: i punti deboli
Tutte le auto del test non superano i 3,65 metri di lunghezza. Ma se, da un lato, le dimensioni ridotte sono la caratteristica vincente di queste piccole auto, dall'altro costituiscono una limitazione. La capacità di carico è molto ridotta e, oltre al volume, bisogna tener conto anche della facilità con cui si riempie il portabagagli: altezza del vano o passaruota laterale possono ridurre di molto lo spazio. Per quanto riguarda il rumore all'interno e la ventilazione, i risultati sono in genere molto scarsi. La somma di tutte queste voci (spazio di accesso, portata del bagagliaio, facilità di guida, rumore e riscaldamento) dà la misura del comfort di bordo che, nel caso delle city car, non va oltre la sufficienza.

Sicurezza: buoni risultati
Anche se nel giudizio globale nessuna delle auto testate ottiene un ottimo, possiamo affermare che le city car sono macchine sicure, soprattutto per quanto riguarda i bambini. Dalle prove risulta che tutti i modelli offrono ai più piccoli sia comfort che sicurezza.


Stampa Invia