News

Salasso parcheggi, ma risparmiare si può

13 febbraio 2014

13 febbraio 2014

Si arriva fino a 1.343 euro l’anno in un posteggio di scambio per pendolari, 38 euro per otto ore in ospedale, 102 euro per una settimana in aeroporto. Si può fare di più, ma i trucchi per spendere meno ci sono.

Per lavoro, per viaggio o per ragioni di salute. In queste situazioni, a volte, si è costretti a usare l’auto privata invece dei mezzi pubblici e a lasciarla in sosta nei parcheggi di scambio - come accade per i pendolari - o nelle apposite aree di aeroporti e ospedali: un vero e proprio salasso per il portafoglio, come puoi leggere nell'inchiesta completa. Ma una scelta più attenta può fare la differenza.

In città: poveri pendolari

In Italia il 47% dei pendolari usa l’auto privata per spostarsi dal Comune di residenza a un altro, per studio o lavoro (Rapporto Censis e Rus). Colpa dei treni regionali e, aggiungiamo, anche dei parcheggi di scambio, cioè di quelle aree di sosta  - situate ai limiti delle principali linee di comunicazione della città - in cui è possibile lasciare la macchina per poi prendere i mezzi pubblici verso la propria destinazione. A usarli, solo un pendolare in auto su dieci, nonostante alcuni sconti che possono esserci – ad esempio – per chi è abbonato ai trasporti urbani. Non c’è da meravigliarsi: nelle nostre prove queste aree sono risultate o insufficienti (come a Roma, dove su sette parcheggi visitati non abbiamo trovato posto in ben quattro occasioni) o comunque troppo care (a Milano, in diversi casi si arriva a pagare 1.343 euro all’anno, in pratica uno stipendio).

In aeroporto: se la sosta costa più del volo

Se parti in vacanza per una settimana, andare in aeroporto in auto non è la scelta più conveniente: puoi arrivare a pagare anche circa 100 euro per il parcheggio negli aeroporti più cari (come il Falcone Borsellino di Palermo, Ciampino e Fiumicino di Roma). Controlla sempre i prezzi con la prenotazione online, perché quasi sempre si hanno sconti, anche fino al 70% (come accade a Ciampino). Nel nostro approfondimento trovi anche i costi negli aeroporti di Bergamo, Bologna, Catania, Napoli e Venezia per una settimana, per un’ora e per 12 ore.

In ospedale: se si lucra sulla salute

La gestione dei posteggi vicini agli ospedali si è trasformata in un vero e proprio affare, ma anche i parcheggi all’interno delle strutture ospedaliere sono spesso molto salati (fatta eccezione per facilitazioni particolari o eventuali abbonamenti): basti pensare che la sosta per otto ore nel parcheggio interno all’Ospedale Niguarda di Milano costa ben 38 euro; scegliendo il vicino parcheggio del lato Sud si pagheranno solo 2,60 euro, una differenza abissale. In generale, quando possibile, meglio fare quattro passi in più. Nell'articolo, ti indichiamo quali sono i parcheggi più convenienti nei pressi degli ospedali di otto città italiane. 


Stampa Invia