News

Prezzi alle stelle per la benzina

22 aprile 2011

22 aprile 2011

Il prezzo della benzina è ormai ai suoi massimi storici assoluti, senza però che ci sia una reale giustificazione economica, soprattutto in rapporto al prezzo del petrolio.

Petrolio e carburante
Non è vero, come si giustificano i produttori, che gli aumenti della benzina siano sempre rapportati a quelli del greggio. Per dimostrarlo basta un semplice esempio: rispetto al picco storico massimo toccato dal prezzo del petrolio nel luglio 2008, oggi il greggio costa il 6% in meno. La benzina, invece, la paghiamo addirittura il 2% in più rispetto al 2008. In pratica, senza fare tanti giri di parole, oggi paghiamo la benzina quasi il 10% in più rispetto a quello che dovrebbe essere il suo naturale prezzo economico.

Benzina: un anno nero
Rispetto a un anno fa, i prezzi dei carburanti sono decisamente aumentati: +12% la benzina (+22% se consideriamo il prezzo esentasse) e addirittura +19% il diesel (+32% al netto delle tasse).

Carburanti: interventi pubblici per migliorare il mercato
Data la situazione, è assolutamente urgente un intervento pubblico. Il prezzo finale del carburante è costituito circa per la metà da tasse (l'Iva e le cosiddette accise). Per questo motivo un intervento che consentisse di limitare la componente fiscale, soprattutto nei momenti di forte crescita del prezzo, aiuterebbe sia il bilancio familiare degli italiani sia, più in generale, a frenare l'inflazione.
Dall'altro lato, è necessaria un maggiore trasparenza sui costi da parte delle aziende petrolifere, che di fatto controllano il 90% dei prezzi del carburante. Proprio questo controllo sul mercato distributivo da parte dei produttori non aiuta certo la concorrenza.

DataPrezzo benzina (euro)Prezzo industriale benzina (euro)Prezzo petrolio (euro)
18-apr-111,5880,759386,37
15-apr-111,5870,758586,83
14-apr-111,5890,760286,06
19-apr-101,4240,622761,80
max 20081,5580,734391,43
    
Differenza aprile 2011/aprile 201012%22%40%
Differenza aprile 2011/prezzo max 20082%3%-6%

Fonte: Altroconsumo, aprile 2011

Stampa Invia