Consigli

Il casco, come funziona e quando serve

Il casco ci protegge quando andiamo in bicicletta, in monopattino oppure in moto. In commercio possiamo trovare tantissimi prodotti, molto diversi tra loro. Scopri quali regole devi rispettare, come scegliere il casco più adatto e quali caratteristiche deve avere per essere davvero sicuro.

16 giugno 2021
Il casco, come funziona e quando serve

Il casco è un indumento di protezione e per ogni attività esiste il casco adatto. Tuttavia non è necessario avere in casa un casco specifico per lo skate, uno per il monopattino e uno per i pattini (per queste tre attività va bene usare il casco per la bici), ma non è il caso di utilizzare il casco da sci per andare in bicicletta. È importante considerare il casco in funzione dei rischi sulla strada e sulle piste oppure sul lavoro.

Per quanto riguarda bicicletta, skateboard e monopattino sappiamo che il casco deve essere leggero, con una buona areazione, deve consentire un’ottima visibilità ed essere regolabile. Questa ultima caratteristica è fondamentale. Il casco deve essere confortevole, non dobbiamo toglierlo ma deve stare bene in testa. Se è allacciato largo, è scomodo e lo teniamo morbido rischiamo che nel momento della caduta si sfili oppure non sia ben saldo sulla testa e quindi non ci protegga al meglio.

Casco, la durata

Un casco non è per sempre, deve essere della taglia ottimale. Se pensiamo ai bambini e ai ragazzi, come per le scarpe non bisogna prendere un casco per la crescita, bisogna prendere un casco della misura giusta, può essere regolabile ma è probabile che debba essere cambiato con una certa frequenza. Il casco è un sistema di protezione che deve essere efficiente. Ovviamente se si verifica un incidente oppure una caduta seria va sostituito, così come dopo gli incidenti vanno sostituite le cinture di sicurezza. Ma anche se non lo sostituiamo a causa di un incidente la durata massima dovrebbe essere di dieci anni, perché le plastiche e le imbottiture si deteriorano.

Mettere il casco è una scelta oppure è sempre obbligatorio?

Sulle biciclette non è obbligatorio, è consigliato. Altroconsumo chiede l’introduzione dell’obbligatorietà fino ai 14 anni, come avviene per coloro che sciano. Per gli sciatori il casco è diventato obbligatorio nel 2005. Nel 2020 non siamo andati a sciare a causa della pandemia, però chi va sulle piste nel 2021 può vedere che tutti indossano il casco. Sono rarissimi i casi di sciatori senza casco, speriamo che l’introduzione dell’obbligo dell’utilizzo del casco per i bambini e i ragazzi fino ai 14 anni in bicicletta porti a un utilizzo più diffuso di questo sistema di sicurezza, che può fare la differenza soprattutto quando si parla di cadute a velocità limitata. Quando si parla di caschi per moto l’obbligo è in vigore dal 1986, il casco è obbligatorio a qualsiasi età, per ogni tipo di viaggio. Per quanto riguarda i monopattini, il casco non è obbligatorio per i maggiorenni mentre è obbligatorio per i minorenni, quindi sul monopattino elettrico tra i 14 e i 18 anni bisognerebbe dotarsi di casco.

Casco e monopattini, le regole

I monopattini sono nuovi sistemi di mobilità leggera, assimilati alla bicicletta elettrica. Hanno una velocità massima di 25 chilometri orari. Poiché sono generalmente dotati di ruote più piccole rispetto a quelle delle bici, i monopattini rischiano di essere più instabili e di conseguenza il rischio caduta è elevato. Forse per questa ragione il legislatore ha chiarito che è obbligatorio l’utilizzo del casco per i minorenni.

Ci sono altre cose cui prestare attenzione quando si guida questa tipologia di mezzo, perché vanno veloci e non sempre gli autisti hanno imparato a riconoscerli, non sono abituati a vederli sulle strade come avviene invece con i ciclisti.

Trasportare una seconda persona, come comportarsi

Per prima cosa dobbiamo verificare se possiamo portare la seconda persona: si può fare in bici e in moto, mai sul monopattino. Per trasportare un passeggero in bici, occorre essere maggiorenni e il passeggero deve avere al massimo otto anni ed essere seduto su apposito seggiolino: non è possibile andare in due su una bicicletta, con il passeggero (anche se è adulto) sulla canna, sul manubrio o sul portapacchi in piedi.

L’unica eccezione sono le cargo bike omologate: in questo caso è possibile portare più di un bambino.

Sui monopattini elettrici non si può assolutamente andare in due, anche se si vedono spesso due persone sullo stesso monopattino elettrico. In moto, invece, si può portare il secondo passeggero solo se il mezzo è immatricolato per due e se si ha compiuto 16 anni. In ogni caso bisogna sempre rispettare le regole e soprattutto essere prudenti.

Segui il podcast di Ascolta il futuro su questo argomento:

Vai al podcast

Articolo realizzato nell’ambito di “Ascolta il futuro”, un progetto di educazione ambientale, civica e digitale promosso da Altroconsumo e realizzato con i fondi del ministero dello Sviluppo economico - ripartizione 2020.