Attenzione a

Sicurezza a rischio: ritirati due lotti del casco Givi HPS X.08

A causa di un problema di sicurezza, le autorità francesi hanno disposto il richiamo e il ritiro dagli scaffali di due lotti del casco Givi HPS X.08 perché, in caso di impatto, la capacità di assorbimento non è sufficiente. Il casco, inoltre, non è conforme al regolamento UNECE n. 22.

Come riconoscere i modelli interessati

I modelli interessati sono solo quelli delle taglie S e XL e, in particolare: 

  • Taglia S - lotto di produzione n. 101 (numeri di serie compresi tra 320.001 e 323.200)
  • Taglia XL - lotto di produzione n. 99 (numero di serie compresi tra 313.601 e 316.800)

Cosa fare se hai uno dei lotti ritirati

Se hai un casco del modello interessato che rientra in uno dei due lotti di produzione e nei numeri di serie indicati, ti consigliamo di non usarlo e puoi provare a riportarlo in negozio e chiedere il rimborso o la sostituzione.


La replica del produttore

In seguito alla nostra pubblicazione l'azienda GIVI ci informa che: 

  • Il DDPP (Dipartimento per la Protezione del Consumatore) francese ha eseguito dei test utilizzando procedure non in linea con quanto previsto dal Regolamento ECE 22/05, in particolare sono state utilizzate delle falseteste di taglia superiore rispetto a quelle previste ed utilizzate da TUV Rheinland in sede di verifiche e prove del nostro casco X08.
  • La consociata francese di GIVI si è confrontata con il DDPP per segnalare le anomalie nelle procedure di prova. 
  • Il casco a fronte dell’esito positivo delle prove ha ottenuto l’omologazione regolarmente rilasciata da SNCH Lussemburgo in ottemperanza a quanto previsto dal Reg. ECE/ONU 22/05.
  • La disputa si riferisce comunque ad un numero decisamente esiguo di caschi e riguarda solo i prodotti indicati nella nostra news. Nessun problema è stato rilevato dal DDPP francese per tutte le altre taglie e per tutti gli altri lotti del casco X08.

Il nostro commento

Anche se il procedimento di verifica della conformità dei caschi tra GIVI e il DDPP non si è ancora concluso, l'amministrazione francese non ha al momento rettificato o modificato la notifica appasa il 4 settembre sul Rapex (il sistema rapido di allerta europea per i prodotti pericolosi); per questo motivo riteniamo importante divulgare l'informazione, ma allo stesso tempo abbiamo chiesto al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti di fare chiarezza sui lotti e sulle taglie dei caschi oggetto di richiamo e venduti anche in Italia. Altroconsumo, comunque, rimane convinta dell'assurdità del fatto che un provvedimento di ritiro per motivi di sicurezza possa valere solo nel paese dove è stato emesso e non in tutti i paesi dove il prodotto è venduto.