News

La nuova etichetta dei pneumatici

18 giugno 2012
pneumatici

18 giugno 2012

Arriva la nuova etichettatura per i pneumatici: un aiuto per i consumatori per poter scegliere la gomma più sicura, più efficiente e meno rumorosa.

Il nuovo regolamento

La nuova etichetta dei pneumatici

E' entrato in vigore proprio in questi giorni il regolamento (CE) 1222/2009 sulla nuova etichettatura dei penumatici, uno strumento che mira a fornire ai consumatori, informazioni chiare sulla qualità del pneumatico, e a guidarli verso la scelta di un prodotto che sia più efficiente nei consumi, abbia una migliore frenata sul bagnato ed emetta meno rumore. Anche se dal 30 maggio è già possibile per i produttori etichettare i pneumatici, dovranno farlo obbligatoriamente per tutti quelli prodotti dopo il 1 luglio 2012, e dal prossimo 1 novembre tutti i pneumatici messi sul mercato dovranno per legge riportare la nuova etichetta.

Cosa c'è sull’etichetta?
Nella nuova etichettatura (che puoi vedere cliccando qui a fianco), in pratica vengono valutati, con una scala di valori molto simile a quella utilizzata per le classi di efficienza energetica degli elettrodomestici, tre aspetti importanti per la scelta di un penumatico:
- Consumi (resistenza al rotolamento). La resistenza al rotolamento è una forza che agisce in direzione opposta a quella di moto durante il rotolamento del pneumatico. In buona sostanza il pneumatico si deforma (il suo fianco e la sua area di contatto al suolo) a causa del peso del veicolo e delle sollecitazioni dovute alla guida e queste deformazioni dissipano energia e quindi contribuiscono ad aumentare il consumo di carburante del veicolo. Pertanto una più bassa resistenza al rotolamento si traduce in minori consumi di carburante.
- Aderenza su bagnato. È la logica conseguenza della capacità di frenare, ovvero di aderire su superfici bagnate. È un parametro che è stato giudicato dalla Commissione Europea come la situazione più rappresentativa per misurare la sicurezza stradale di un pneumatico.
- Rumore esterno da rotolamento. È il rumore, prodotto dal pneumatico durante la marcia, che si percepisce all’esterno del veicolo.

Controllate anche i nostri test
L'etichettatura del pneumatico è una nuova opportunità per il consumatore, perché permette di avere elementi oggettivi per valutare alcuni importanti parametri per i pneumatici, che finora non erano immediatamente evidenti. Bisogna comunque considerare che ci sono molte altre caratteristiche che determinano le prestazioni globali di un pneumatico; caratteristiche che non sono esplicitate da questo nuovo sistema di valutazione. Un esempio evidente è quello che riguarda i pneumatici invernali, dove non viene fatta nessuna valutazione sui test su neve e ghiaccio. I nostri test, invece vi permettono di avere un’informazione più completa, con la certezza di poter scegliere sempre il miglior penumatico oppure quello con il miglior rapporto qualità-prezzo.

Consumi

Sulla nuova etichetta sono previste sette classi di merito per misurare la resistenza al rotolamento (che di fatto determina un maggiore o minore consumo di carburante). Le classi sono caratterizzate da una lettera compresa tra A (la più efficiente o migliore) e G (la meno efficiente o peggiore). Per quanto riguarda la resistenza al rotolamento la differenza tra un prodotto di classe A ed uno di classe G può tradursi in un minore consumo di carburante fino al 7,5% (ma anche di più nel caso di mezzi pesanti).

Classe di efficenza nei consumi
Aderenza sul bagnato

Anche per quanto riguarda l'aderenza sul bagnato sono previste sette classi di merito. Le classi sono caratterizzate da una lettera compresa tra A (la più efficiente o migliore) e G (la meno efficiente o peggiore). Per quanto riguarda l’aderenza su bagnato, la differenza tra un prodotto di classe A ed uno di classe G può tradursi in un minor spazio di frenata fino al 30% (ad esempio per una vettura che viaggia a 80 Km/h la riduzione potrebbe essere fino a 18 metri in meno). La classi (A - F) non sono però un valore assoluto perché dipendono anche dal tipo di veicolo e dalla superficie stradale.

Classe di aderenza su Bagnato
Rumore esterno

Per quanto riguarda il rumore esterno causato dal rotolamento della gomma i valori sono espressi in decibel e sono previste 3 classi in relazione al numero delle barre. Il livello di rumorosità con tre barre nere è quello peggiore perché supera il futuro valore limite europeo obbligatorio. Due barre piene identificano il prodotto intermedio che avrà un numero di decibel di rumorosità fino a 3db in meno del valore limite futuro. Una barra sta a significare che il livello di rumorosità del pneumatico è inferiore di oltre 3db rispetto al valore limite futuro.

Classe di rumore esterno
Chi deve informare il consumatore?

Sono tre i soggetti che hanno l'obbligo di garantire che i consumatori siano adeguatamente informati: i fornitori di pneumatici (fabbricanti o importatori in Europa); i distributori, i fornitori di pneumatici del veicolo e dei distributori.

Fornitori di pneumatici
- Per i pneumatici dei veicoli commerciali o per passeggeri, i fornitori di pneumatici hanno la possibilità di scegliere se mettere un adesivo sul battistrada o un'etichetta che accompagna ogni lotto di fornitura di pneumatici a beneficio del rivenditore o dell'utente finale.
- Per i pneumatici delle autovetture, dei veicoli commerciali leggeri, dei camion  o degli autobus pneumatici, le informazioni devono essere disponibili nella documentazione tecnica promozionale (opuscoli, pieghevoli…), compreso il sito web del produttore.

Distributori di pneumatici
- I distributori devono garantire che i pneumatici, nel punto di vendita, abbiano un'etichetta (o che almeno ce ne sia una in prossimità), che sia chiaramente visibile all'utente finale prima della vendita.
- nel caso i pneumatici e le loro etichette siano poco visibili a chi acquista, devono fornire loro stessi le indicazioni sul consumo di carburante, aderenza sul bagnato e il rumore esterno durante il processo di acquisto (per i pneumatici dei veicoli commerciali o per passeggeri).
- per chi acquista pneumatici per un’autovettura, un veicolo commerciale leggero, un camion o un autobus, i distributori devono fornire le indicazioni comprensive del disegno di legge.

Fornitori di veicoli e distributori
- Deve fornire agli utenti finali informazioni sul consumo di carburante, sull’aderenza sul bagnato e aul rumore esterno in base al tipo di pneumatico che viene offerto, prima della vendita del veicolo.