News

Pneumatici: l'etica delle aziende

22 aprile 2013
penumatici

22 aprile 2013

Politiche ambientali e diritti dei lavoratori. Siamo andati a vedere come si comportano le case produttrici. Nessuna ci ha permesso di visitare le fabbriche. Abbiamo, però, visitato le piantagioni asiatiche di caucciù. Ecco il video che documenta le condizioni dei lavoratori.

Quando acquisti un pneumatico, oltre alla qualità delle gomme (che puoi verificare consultando i nostri test), valuta anche gli aspetti etici, come politiche ambientali e diritti dei lavoratori, delle aziende produttrici. La nostra inchiesta sull’etica dei produttori ha riguardato 12 aziende che producono 20 marche di pneumatici. Inoltre, siamo andati in Asia per verificare le condizioni dei lavoratori nelle piantagioni di caucciù.

Ecco il video che documenta le loro condizioni.

Video Block

 

La nostra inchiesta

Abbiamo inviato alle aziende dei questionari, recuperato la documentazione a disposizione del pubblico sui siti web aziendali, letto ricerche esterne, intervistato esperti. Volevamo visitare anche le fabbriche, per verificare le dichiarazioni fornite attraverso i questionari, ma nessuna azienda ci ha aperto le porte.

Gomma naturale: nessun diritto

Non ci siamo limitati a indagare il comportamento delle singole aziende per quel che riguarda politiche ambientali e diritti dei lavoratori. Abbiamo voluto estendere la nostra inchiesta all’intera filiera, concentrandoci principalmente sulla provenienza della gomma naturale utilizzata nella produzione delle gomme. Abbiamo visitato le piantagioni asiatiche di caucciù. In Thailandia, i lavoratori sono spesso immigrati, non esistono sindacati e i salari sono spesso sotto il minimo legale.

Tante parole, pochi fatti

Responsabilità sociale e sostenibilità ambientale sono temi molto noti nel settore. Peccato che molti marchi minori vadano oltre i principi generali. Quelli più grandi sono un po’ più attivi, ma possiamo dire che nessuna azienda si dimostra socialmente responsabile. Sul nostro giudizio ha pesato molto la mancanza di trasparenza.


Stampa Invia