News

Bonus malus rimborso diretto del danno

19 giugno 2013

19 giugno 2013

Dopo un incidente automobilistico o un semplice tamponamento, non sempre conviene affidare alla propria compagnia assicurativa il pagamento dei danni provocati a un altro veicolo. Potrebbe essere più conveniente rimborsare direttamente il danno senza chiedere nulla alla propria assicurazione.

Quando conviene
Quest'ultima soluzione può essere la migliore soprattutto se si supera il 50% di responsabilità, condizione per la quale scatta per il conducente il cosiddetto "malus", cioè il peggioramento della classe di rischio che incide, a volte pesantemente, sul premio Rc auto.
La formula tariffaria che regola i contratti assicurativi Rc auto è nota come "bonus/malus", poiché prevede l'aumento o la riduzione del premio, a ogni scadenza annuale, sulla base del numero di sinistri provocati o del tempo trascorso senza averne commessi.

Rc auto: evitare l'aumento del premio
Per valutare con precisione se conviene pagare il riscatto all'assicurazione piuttosto che salire di classe di merito è necessario fare alcuni calcoli, non sempre semplici.
Tenete presente che difficilmente troverete una compagnia disposta a farvi questi conti perché il riscatto, quando conviene a voi, non conviene all'assicurazione.
Sul nostro sito (Altroconsumo.it) abbiamo per questo messo a disposizione un calcolatore che in pochi e semplici passaggi è in grado di determinare quando conviene riscattare il sinistro.
In generale, se il valore che si ottiene dal nostro foglio di calcolo è inferiore a quello che si dovrebbe sborsare direttamente per l'incidente pagato dalla compagnia allora non è conveniente riscattare.
Viceversa, il riscatto sarà invece conveniente se il valore trovato con il calcolatore è superiore al valore del sinistro pagato dalla compagnia assicurativa.


Stampa Invia