News

Rc auto difendersi dal caro polizza

01 luglio 2010

01 luglio 2010

Aumenti record registrati dall'Isvap, l'istituto di vigilanza delle assicurazioni, nell'ultimo anno: rincari nell'ordine del 15% per l'automobilista che non ha provocato incidenti e il doppio per il motociclista.

Con la nostra banca dati Rc auto (e moto) si possono valutare le offerte sul mercato per il vostro profilo e scegliere la più conveniente.

La questione meridionale
La realpolitik delle compagnie ha creato una vera e propria questione meridionale sull'Rc auto: l'alto livello delle truffe aumenta il rischio per le compagnie che quindi preferiscono non avere tra i loro assicurati automobilisti targati Napoli e Bari. Ma la legge obbliga le compagnie a stipulare polizze per l'Rc auto quindi per tenere fuori i clienti "sgraditi" ricorrono a due stratagemmi: diradano le agenzie nel sud Italia e nelle altre zone che giudicano meno redditizie oppure offrono tariffe altissime. Stiamo parlando di 2.800 euro l'anno chiesti a Napoli a un giovane single di circa 30 anni che assicura, per la prima volta, una Fiat Panda usata con 4 anni di vita (classe 14).
Sfruttando la concorrenza e chiedendo il preventivo a un'altra agenzia il premio per lo stesso profilo si abbassa (si fa per dire, ndr) a 1.600 euro. Cifre, ovviamente volte a scoraggiare il cliente "a rischio". Sono i preventivi che abbiamo raccolto in due agenzie napoletane nell'aprile scorso.

La franchigia fa risparmiare al sud
Abbiamo messo a confronto le classiche polizze Rc auto bonus/malus con quelle a franchigia (il bonus malus si abbina con una clausola per cui in caso di incidente con danni a terzi l'automobilista dovrà versare alla compagnia l'importo della franchigia stabilita - si va da 150 a 1.000 euro) in otto grandi città (Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli, Bari, Palermo e Cagliari) per due profili di automobilista tra i più diffusi, un uomo e una donna quarantenni con un auto di media cilindrata. Dalla nostra analisi è emerso che il bonus malus conviene di più, mentre la franchigia fa risparmiare solo al sud, in particolare a Napoli.

A consumo? Lasciate perdere
Sul mercato ci sono compagnie che offrono anche la formula "a consumo" per chi usa l'auto solo ogni tanto. Ci sono due tipi di polizze a consumo: giornaliere e chilometriche. Per cui il premio si calcola in base all'utilizzo della macchina o ai chilometri percorsi. Abbiamo valutato la convenienza di queste polizze per i due profili di quarantenni già citati: è raro che si risparmi rispetto alle assicurazioni tradizionali bonus malus.

Stampa Invia